• Google+
  • Commenta
24 giugno 2011

Associazione Assud

Associazione Assud

Associazione Assud

Presidente: Andrea Guccione

Email di riferimento: non indicato

Sito web associazione: non indicato

“Associazione Assud” costituisce, in qualità di movimento culturale, una tribuna aperta per rilanciare la questione meridionale, come problema dello Stato italiano unitario, in questo contesto storico assai complesso. L’Associazione, presieduta dal valido imprenditore cosentino Andrea Guccione è composta da ex studenti universitari, la cui sensibilità culturale ed umana li ha trattenuti nel proprio territorio per esercitare la loro professione nell’impresa, nella stessa università, nell’avvocatura, nella medicina, fino ad occupare ruoli importanti nella pubblica amministrazione. Il loro messaggio e le loro strategie sono legati all’esperienza decennale che li ha visti protagonisti della “Confederazione degli Studenti”, gruppo studentesco sempre emergente in tutti gli atenei meridionali.

La “Confederazione” ha lottato con costanza sempre per difendere il sistema universitario meridionale e per rivendicarne il ruolo unico e determinante ai fini di far uscire il Sud dall’isolamento politico e sociale, e per promuovere lo sviluppo socio-economico di esso. Proprio per il lievito culturale e la concretezza delle proposte, essa ha ottenuto successi e vittorie in tutte le competizioni studentesche al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, circoscrizione meridionale, realizzati col voto e la fiducia di molti studenti meridionali. In sostanza, “Assud” sta sostenendo da un decennio ciò che oggi, ormai, costituisce il momento culminante del dibattito in corso sulla necessità di unificare con i fatti l’Italia, evitando che il Mezzogiorno resti sempre un problema drammatico come 150 anni fa.

Pertanto, il suo programma rappresenta un’autentica strategia di rottura, di lotta democratica, civile e culturale per sottrarre il Sud dall’eterna condizione di colonia da sfruttare. Tutto ciò può avvenire se c’è da parte di tutti uno stimolo costante alla classe dirigente, agli intellettuali, agli imprenditori, ai sociologi, affinché venga frenata l’ingiusta emigrazione dei giovani laureati, dei cervelli che potrebbero far decollare il Sud ed invece sono costretti al lavoro nero. Si deve, pertanto, creare una rivoluzione copernicana per sensibilizzare la gente al ripudio dell’illegalità, dell’accettazione passiva dell’usura e del pagamento del pizzo, nonché al rifiuto della depredazione di risorse, per le carenze di una classe politica che non intende attuare concreti interventi di sviluppo. “Assud” vuole rilanciare un programma di rinascita del Sud, di valorizzazione delle imprese, che reggono la competizione con tutte quelle presenti nel territorio nazionale, di valorizzazione del cospicuo patrimonio artistico, enogastronomico per esaltare un paesaggio pittoresco, una serie di risorse che esaltano la storia e la cultura del Mezzogiorno.



© Riproduzione Riservata