• Google+
  • Commenta
28 gennaio 2012

Thomas Keneally: la storia raccontata dall’autore

Il profondo desiderio di conoscere quello che Chatwin definì “the up-side-down world”, insomma, l’Australia, mi ha portato a sondarne il terreno letterario. L’Australia non è affascinante solo per la sua varietà di animali (molti dei quali unici al mondo), né per la diversità e vastità della sua conformazione geografica, ma perché è un paese nuovo e allo stesso tempo millenario, costruito non da liberi cittadini desiderosi di dare inizio ad un “nuovo mondo”, ma da una manciata di deportati -che hanno spesso soffocato la loro rabbia e frustrazione su chi da sempre, gli aborigeni, aveva posseduto quella terra-, letteralmente gettati sulle sue spiagge perché il loro paese natìo non li voleva più nemmeno dietro le sbarre.

L’Australia è un paese messo in piedi con lacrime, sudore e sangue, sotto un sole cocente che rende tutto nebuloso quasi si cercasse di vedere attraverso il fondo di un bicchiere. Come forse qualcuno potrà obbiettare, tutti i paesi sono stati messi in piedi alla stessa maniera; ma ciò che rende l’Australia per così dire, unica nella sua specie, sono i suoi primi “colonizzatori” che di certo hanno poco a che fare con i Padri Pellegrini del May Flower.

I deportati inglesi si ritrovano da subito a dover affrontare un clima totalmente differente da quello della loro Madre Patria, un clima soffocante dove spesso l’acqua diventa un miraggio, e allora per appagare la propria sete ma anche per mettere a tacere i propri demoni e le proprie paure, all’acqua è subentrato in quantità industriali l’alcol, che con le sua false proprietà dissetanti ha annebbiato la vista di molti, soprattutto quella degli aborigeni che non essendo geneticamente predisposti a tollerarlo, di esso diventarono subito schiavi, succubi, vittime.

Thomas Keneally, lo scrittore sul quale ho deciso di basare la mia ricerca, è uno dei maggiori autori australiani, ed uno dei motivi principali che mi hanno spinto a sceglierlo è stato quello di scoprire che era stato lui a scrivere la storia sulla quale poi Spielberg ha basato quel capolavoro cinematografico quale è “Schindler’s List”.

AUTORE: Carola Baldassirrini

UNIVERSITA': Università degli Studi di Siena

ANNO ACCADEMICO: 2003/2004

TESI IN: Lingue e letterature straniere

Thomas_Keneally_la_storia_raccontata_dall_autore



© Riproduzione Riservata