• Google+
  • Commenta
28 febbraio 2012

Cerchi una stanza in affitto? Un video ti aiuterà

Nell’era di Internet, dei social network e della tecnologia a poco prezzo non poteva mancare anche il video-sito di annunci per case in affitto. L’idea nata in Spagna, a Barcelona, tramite il sito Coompy, è molto semplice e interessante: chi cerca una stanza in affitto, ma non ha la possibilità di viaggiare nella nuova città, da oggi potrà farlo comodamente da casa. Basterà che l’inserzionista abbia pubblicato un video dell’appartamento, così da permettere di visionarlo, e già sapere se, eventualmente, si fosse interessati o no a prenderlo in affitto.

Una vera e propria rivoluzione per la ricerca di una stanza in affitto che, il più delle volte, si rivela un’odissea per i tanti studenti fuori sede, spesso costretti a sostenere costi elevati per soggiornare negli alberghi della loro futura città in attesa di trovare un appartamento che soddisfi, almeno, i requisiti minimi che deve possedere una casa abitabile.

La fondatrice di Coompy, Laura Villanova, un’impiegata di 34 anni, racconta che, non avendo la disponibilità economica per coprire le spese di affitto, decise di condividere casa. La ricerca di un coinquilino si rivelò complessa e molto difficile, ore di colloqui non bastarono a trovare una persona che fosse realmente interessata all’appartamento. Invece, attraverso la pubblicazione dei video che mostravano la casa: “..si abbattono i tempi: chi telefona ha già visto la stanza sul sito ed è quasi sicuro di volerla affittare”, conclude Laura.

L’idea proposta da Coompy è subito rimbalzata in Italia e nel resto del mondo. Sul web italiano, il sito immobiliare.it, infatti, oltre a pubblicare la classica foto e annuncio, relativo all’appartamento d’affittare, dal 2011 si è dotato anche del supporto video, per rendere più semplice e veloce la ricerca di un coinquilino. Ad oggi, infatti, si contano circa 330mila filmati per un totale di otto milioni di utenti al mese. Anche il neonato inserzionivideo.it, fondato nel 2011, sta cercando di ritagliarsi un suo spazio in questo nuovo mercato degli affitti, contando, per il momento, un migliaio d’inserzioni filmate.

Oltre che per facilitare la ricerca di una casa, questo nuovo sistema mira anche a combattere le truffe su internet in cui ci s’imbatte quando si leggono annunci di affitti. Spesso, infatti, capita di trovare annunci che promettano affitti molto bassi per case in centro o che, dalle foto, sembrano delle vere e proprie regge. Il trucco è presto svelato: il finto proprietario richiede il pagamento anticipato delle caparre tramite Money transfer, non tracciabili e non permettono rimborsi in caso di eventuali truffe, millantando di trovarsi all’estero per un viaggio di lavoro. Una volta che il pagamento viene eseguito il finto proprietario fa perdere le proprie tracce e la truffa è portata a compimento.

Il nuovo sistema di pubblicazione dei video, quindi, potrebbe risultare un buon deterrente per chi, fino ad oggi, è riuscito a truffare tante persone in cerca di una casa. A tal proposito, alcuni portali, come lo stesso immobiliare.it, hanno avviato una collaborazione con la Polizia Postale per segnalare gli annunci sospetti e i tentativi di truffa, dando il via a una campagna di sensibilizzazione che fornisce le linee guida contro le truffe online.



© Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.