• Google+
  • Commenta
29 febbraio 2012

Google a caccia di hacker: 60 mila euro a chi violerà Chrome

La maggiore preoccupazione degli sviluppatori di software e reti è sempre stata, dagli albori dell’informatica, la sicurezza del sistema. Le software house ogni anno investono svariati milioni di dollari per cercare di scoprire i bug, ovvero le falle presenti nei loro prodotti che, non solo rischiano di mettere in pericolo il funzionamento del prodotto stesso o dei relativi sistemi di protezione, ma potrebbero aprire le “porte” dei PC degli utenti a malintenzionati e pirati informatici, con tutte le sfaccettature di problemi che potrebbero derivarne.

Per questo sempre più aziende puntano su strategie di problem solving globale e condiviso, rivolgendosi all’intero pubblico della rete e gettando la sfida verso i più temibili e preparati hacker, veri geni dell’informatica che il più delle volte agiscono nell’ombra, senza un padrone o un finanziatore.

Questa volta è il caso di Google, che per cercare di scoprire le falle e le criticità del suo browser Chrome, offre 60.000 euro agli hacker che riusciranno a violarlo. Per partecipare alla sfida ed aspirare così al premio offerto dal colosso di Mountain Views occorrerà registrarsi e sostenere l’unica prova del concorso: cercare in tutti i modi di piratare Google Chrome, trovare tutti i punti deboli fornendo i dettagli completi dell’attacco sferrato.

Sono previsti anche premi minori (rispettivamente 40 e 20 mila euro) per i piccoli grandi geni dell’informatica che riusciranno a trovare un punto debole di Chrome combinato con un difetto di Windows 7 e per quelli che scopriranno altri difetti in grado di mettere a rischio la stabilita’ del motore di ricerca.

L’iniziativa si pone all’interno della ormai consueta competizione annuale Pwn2Own, che nelle scorse edizioni ha visto impegnate migliaia di ragazzi pronti a darsi battaglia fino all’ultimo click per affermare la loro supremazia sul web e, non ultimo, per contendersi anche gli ulteriori ricchi premi degli sponsor.

Gli aspiranti hacker o gli hacker aspiranti potranno trovare tutte le informazioni necessarie per la partecipazione direttamente sul sito della competizione e sul blog ufficiale di Chrome.



© Riproduzione Riservata