• Google+
  • Commenta
6 febbraio 2012

Maltempo: Unisa chiusa anche domani?

Le condizioni meteo non danno cenni di miglioramento, nella notte in molte città del Sud la neve ha continuato a scendere copiosamente e i bollettini meteo non danno buone notizie le strade innevate ormai sono coperte da ghiaccio e se i vari sindaci dispongono la chiusura delle scuole in alcune zone, specialmente nell’avellinese, si è dichiarato lo stato di calamità naturale.

Anche a Fisciano il sindaco Amabile ha disposto in un’ordinanza la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado anche per domani, eccezion fatta per il Campus Universitario di Fisciano, con “riserva di valutare, in relazione all’evolversi della situazione meteorologica, l’opportunità di prorogare ulteriormente tale chiusura, con separato e successivo provvedimento”.

Ed ecco che in pochi secondi Facebook si è colorato di polemica. I vari gruppi dedicati all’ateneo salernitano si sono riempiti di commenti di studenti che non hanno perso tempo per dire la loro:

ma cosa mi significa??!!! che vuol dire che i bambini,i ragazzi delle scuole non devono correre rischi,mentre noi dell’università dobbiamo andare,rischiare,perché veramente è pericoloso camminare su strade ghiacciate,perchè il sindaco non vuole rendersi conto che stanotte e domani veramente ci sarà l’era glaciale!!!!!! ma come si fa??!!

Ovviamente c’è sempre chi consiglia semplicemente di non venire all’università e che dopotutto non c’è tutta questa neve a Fisciano ma le critiche a questo “consiglio” non si sono fatte attendere:

MA il problema non è FISCIANO, il problema è ARRIVARE a fisciano. Certo, uno si può stare pure a casa, è facile parlare se abiti a 2 metri dall’università.. Se devi scendere ore prima sommerso dalla neve per arrivare all’uni rischiando pure la vita per via di strade BLOCCATE E GHIACCIATE, tanto vale che la si lascia chiusa anche domani. AZIONATE I CERVELLI PRIMA DI APRIRE BOCCA

E ancora:
nessuno mi costringe a venire,ma forse ci sono gli esami da fare??!! che a fisciano non c’è neve l’abbiamo capito,ma ti farei affacciare volentieri da casa mia per vedere quanta neve! inutile fare i professori e dire che non sono costretta a venire!

Tuttavia c’è anche chi si rimbocca le maniche e si è messo in contatto con gli organi dell’università e sta facendo pressioni per la chiusura del Campus anche per domani ma finora notizie ufficiose scongiurano la chiusura dell’ateneo ma si spera che gli organi universitari non tengano conto solo della situazione a Fisciano (che come si evince dall’ordinanza del sindaco non è buona) ma delle varie situazioni di coloro che devono raggiungere l’ateneo e sono impossibilitati.

Anche se è impossibile sperare in un ribaltamento di questa notizia, sono le 17 e sul sito non è apparso ancora nessun avviso in merito, vi terremo aggiornati.

ore 17.10 dal sito Vivi Unisa si apprende: Per adesso nessuna novità, quindi il Campus dovrebbe rimanere aperto. Come già detto abbiamo fatto pressioni per la chiusura del Campus, ma non essendoci attualmente un bollettino ufficiale della protezione civile, ad ora non si può prorogare la chiusura dell’Università anche a domani (martedì 7 febbraio 2012).

Per gli studenti che non potranno raggiungere il Campus, per le avverse condizioni atmosferiche, si troveranno soluzioni adeguate per quanto riguardi esami e scadenze. Vi invitiamo a contattare docenti e rappresentanti per qualsiasi chiarimento.

ore 18.00 la conferma dell’apertura dell’ateneo sembra essere ufficiale ma l’associazione Link Fisciano avvisa che forse per gli studenti che non potranno raggiungere l’ateneo c’è una speranza in quanto il Rettore raggiunto a telefono dalla stessa associazione dichiara:
“L’università sarà aperta e gli esami non possono essere rimandati!!! quindi ci saranno le sessioni regolarmente! Ma domani si riunirà un consiglio straordinario con i presidi di facoltà per pensare ad una sessione straordinaria di recupero per tutti gli studenti che saranno impossibilitati a muoversi verso il campus, causa meteo”

A questo punto l’associazione Link ha pensato ad un modo per tutelare tutti gli studenti che domani avranno problemi a raggiungere l’ateneo causa neve: “creare un unico grande database -spiega- di tutte le persone che domani “sicuramente” non potranno venire al campus e che dovevano sostenere un esame! invitiamo alla serietà!”

Quindi, chi domani deve sostenere un’esame ed è realmente (seriamente parlando, una persona di Salerno non può dire di non essere venuto a fare l’esame per la città bloccata dalla neve, ma ci sono molti paese irpini e non solo in queste condizioni) impossibilitato a muoversi dalla sua città, può inviare i seguenti dati a:

-* NOME,
-* COGNOME,
-* MATRICOLA,
-* FACOLTA’
-* TITOLO DELL’ESAME,
-* PROFESSORE CON CUI SOSTENERLO,
-* vostro PAESE DI PROVENIENZA

in modo che, spiega l’associazione Link Fisciano, se non dovesse essere fatto nulla potremmo avere un rapporto diretto con tutte le persone che hanno subito il disagio ed essere pronti a confrontarci con il Rettore. anche se credo e spero non sarà necessario“.

ore 18.13 anche Giuseppe Mansi, rappresentante degli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia, in una nota postata sul sito facebook dell’unisa dichiara “Ho sentito anch’io il rettore telefonicamante. Se la situazione metereologica resta stabile com’è ora, domani l’università sarà aperta regolarmente.Chiarisco altresì, che il rettore (come noi tutto) non è attrezzato di sfera di cristallo, pertanto, per quanto ne sappiamo, fra un’ora uno tsunami potrebbe investire il sud Italia. Pertanto vi prego di stare calmi, e aspettare. Ogni decisione sarà pubblica sul sito UNISA e gli esami che non si sono tenuti oggi, saranno rimandati a data da destinarsi all’interno della stessa sessione.Per finire, se dovesse succedere che l’università sia aperta, ma per gli studenti risulti impossibile raggiungere il campus, in accordo con i docenti ed i presidi, si ovvierà al disagio. Stiamo parlando di cause di forza maggiore, maggiore di noi, del rettore, e del sindaco. Pertanto, v’invito ad essere ragionevoli e mantenere la calma.

Dora Della Sala



© Riproduzione Riservata