• Google+
  • Commenta
23 marzo 2012

A Ca’ Foscari nasce la guida turistica multiuso

Due giovani ricercatori, Lisa Danese ed Enrico Capiozzo, hanno messo a punto in ateneo l’innovazione per il turismo accessibile

TESTO, AUDIO, VIDEO E LINGUA DEI SEGNI
A CA’ FOSCARI NASCE LA GUIDA TURISTICA MULTIUSO

Lo spin off universitario sta realizzando le prime guide su 8 ville venete accessibili da telefonini e tablet. Anteprima al Salone Gitando All di Vicenza

 

VENEZIA –  Il prodotto si chiama VEASYT Tour: una serie di video-guide turistiche accessibili a tutti attraverso telefonini e dispositivi mobili, dedicate anche a disabili sensoriali o linguistici.

L’innovazione intende proporsi come “reinterpretazione” accessibile delle tradizionali guide cartacee. Il prodotto tuttavia non è pensato per una nicchia “svantaggiata”, ma vuole divenire uno strumento utile per tutti, secondo le prerogative del Design for All. I contenuti culturali sono infatti fruibili in modalità testuale scritta, audio o video in lingua dei segni. L’utente può selezionare la modalità (o la combinazione di più modalità) a lui o lei più adatta.

La novità nasce a Ca’ Foscari da uno studio condotto da due giovani ricercatori, Lisa Danese ed Enrico Capiozzo con il coordinamento della prof.ssa Anna Cardinaletti, Docente di Linguistica teorica e applicata e Delegata del Rettore per tutorato e disabilità.

L’innovazione è da poco divenuta uno spin-off di Ca’ Foscari con il nome di VEASYT srl, fusione dei termini VISIT e EASY. Il gruppo di lavoro (di cui fanno parte anche Bruno Verneau e Gabriele Greco, cofondatori) identifica infatti con questi termini la propria vision: proporre strumenti e servizi in grado di rendere facile per tutti una visita, un viaggio o una permanenza turistica, in base ai propri specifici “special needs”.

Attualmente lo spin off sta lavorando alla realizzazione delle guide di otto ville venetesu commissione dell’Istituto Regionale Ville Venete, alla guida del centro storico diThiene e alla guida del Santuario della Grotta di Lourdes di Chiampo.Un’anteprima delle guide sarà presentata a Gitando.All, la Fiera del turismo accessibile di Vicenza in programma dal 22 al 25 marzo.

Le 8 ville venete per le quali è in corso la realizzazione della speciale guida:

Villa Cardellina, Montecchio Maggiore (VI)

Villa Carlotti, Caprino Veronese (VR)

Villa Venier, Mira (VE)

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta (PD)

Villa Pojana, Pojana Maggiore (VI)

Villa Pepoli, Trecenta (RO)

Villa Benzi Zecchini, Caerano San Marco (TV)

Villa Della Magnifica Comunità, Mel (BL)

Due le versioni delle guide disponibili: web e mobile app. La prima, più adatta per una consultazione da Pc, la seconda ottimizzata per la fruizione da smart-phone e tablet direttamente nel luogo di visita. Nei prossimi mesi è già previsto inoltre lo sviluppo di altre guide per altre realtà turistiche e culturali venete. È possibile accedere alle guide, distribuite in modo gratuito, dai portali delle realtà culturali o direttamente dal sitowww.veasyt.com.

Le guide si propongono come la prima proposta di guide accessibili a tutti.L’utente può scegliere quale modalità (o combinazione) adottare per la fruizione dei contenuti: testuale scritta, audio o video in lingua dei segni. I contenuti sono infatti proposti dopo una attenta semplificazione dei testi (semplificazione della lingua, non banalizzazione dei contenuti) così da permettere a tutti, anche a chi ha disabilità linguistiche (es. dislessia), di comprendere facilmente i contenuti.La fruibilità web è studiata per garantire la massima usabilità con screen reader e strumenti adottati da utenti ipovedenti e ciechi sia per computer che per dispositivi mobili (smart-phone). Le app mobile (ora disponibile in versione Android, previsto nei prossimi mesi lo sviluppo per iPhone) sono anch’esse sviluppate per garantire la più semplice e agevole fruizione anche da parte di utenti ipovedenti e ciechi, con un sistema semplificato di scorrimento e fruizione dei contenuti.

Peculiarità delle guide è inoltre la possibilità di consultare i contenuti in lingua dei segni. Grazie all’implementazione di questa lingua, anche gli utenti sordi possono avere accesso ai contenuti nella loro lingua naturale.



© Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.