• Google+
  • Commenta
24 marzo 2012

A Siena nasce il Jazz made in Italy

La Fondazione “Siena Jazz”, da oltre trent’anni impegnata nell’insegnamento musicale sul nostro territorio, festeggia la nascita della prima Libera Università del Jazz Italiana. Col decreto ministeriale 10-11-2011 n.193 infatti l’istituzione toscana è stata abilitata a rilasciare titoli di studio alla pari con quelli dei più grandi Conservatori Statali e delle Università internazionali.

L’evento si è fatto sentire addirittura oltreoceano : persino la “bibbia” del Jazz, ovvero la rivista americana Downbeat,  ha allegato al suo numero di gennaio uno speciale dedicato alla neonata Università senese,  celebrandola con l’appellativo di “Italian Renaissance” ( Rinascimento Italiano) .

Franco Caroni, direttore della scuola e bassista prog-rock negli anni ’70, è riconosciuto come pioniere del Jazz in Italia. “Non c’era nessuno che insegnasse Jazz in Italia all’epoca” spiega Caroni, che, assieme a 3 membri della sua band, decise di fondare il primo workshop estivo interamente basato sul Jazz per 37 studenti. Lentamente la struttura riuscì ad ampliarsi fino ad arrivare ai giorni nostri, dove si contano 20 classi differenti.

L’obiettivo ora, sempre secondo Caroni, è quello di riuscire a ampliarsi il più possibile fino a competere con le più grandi associazioni jazzistiche internazionali, al fine di offrire un programma didattico innovativo e docenti di alto livello.

 



© Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.