• Google+
  • Commenta
21 marzo 2012

Android, il sistema operativo attecchito da app e advertising

Una recente ricerca condotta dalla Purdue University  ha svelato il tallone di Achille dei dispositivi mobili.

Sarà capitato a molti internauti di ritrovare, a poche ore dall’ultimo caricamento, la batteria del proprio cellulare scarica e inerme, pronta per essere ricaricata prima di tornare a lavorare.
Probabilmente in molti si saranno domandati il perché, senza circoscrivere precisamente la fonte di tanto dispendio energetico.

Ebbene, la risposta arriva oltre oceano da un recente studio effettuato da un team di ricercatori della Purdue University, che rivela scoperte utili per chi possiede dispositivi mobili di ogni genere.

Sono gli advertising, i banner ingombranti della pubblicità, le app scaricate gratuitamente gli artefici dell’attecchimento delle batterie. Risucchiano potenza portando via una quantità energetica spaventosa, pari al 75%. Uno spreco immenso, di energia e possibilità per l’utente e la batteria del suo cellulare.

In particolare, la ricerca è stata applicata al sistema operativo Android, attraverso la creazione di un Eprof, cioè un “Energy profiler” in grado di misurare il consumo energetico di ogni singolo app scaricabile su Android.

Tra i tanti videogiochi, i vendicativi uccellini di “Angry Birds”, necessitano del 30% dell’energia batterica sommandosi a Facebook, altro scarica-batteria quotidiano. Tra l’altro Eprof, dimostra come molte advertising continuano a funzionare in background anche dopo aver accontonato le app, debilitando ulteriormente i dispositivi.

I ricercatori dell’università dell’Indiana, sempre attraverso Eprof, avrebbero tratto una conclusione ben precisa al dispendio energetico, di natura commerciale. L ’advertising per l’utente comporta un risparmio sugli acquisti delle app, ma grava indirettamente sulla bolletta, a causa della quantità di energia richiesta dalla pubblicità. Dunque un risparmio fittizio, inconsapevolmente responsabile di altri costi dovrebbe indurre molti navigatori a scaricare app senza pubblicità.

La scoperta rende il neonato sistema Eprof, ultimo della sua categoria dopo Betterbatterystats, utile per monitorare i propri dispositivi e il rispettivo consumo. Oggi è disponibile solo per Android, ma in futuro verrà applicato ai maggiori sistemi operativi.



© Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.