• Google+
  • Commenta
23 marzo 2012

Le cellule staminali diventano note musicali

La crescita delle cellule bambine a quelle adulte sono state tradotte in note musicali con un concerto avvenuto a Napoli, all’interno del Complesso Universitario Monte Sant’Angelo. Una manifestazione davvero unica e sorprendente soprattutto se riguarda l’evolversi di particolari cellule, la cui evoluzione è simile ad uno spartito musicale.

Il concerto “Dna in suono” è stato promosso da StamiNa, evento che rientra nel progetto “20 regioni d’Italia unite dalla Scienza” con una serie di giornate dedicate alle cellule staminali coordinate dal professor Umberto di Porzio, dell’Istituto di Genetica e Biofisica del Consiglio nazionale delle ricerche (Igb-Cnr) in collaborazione con Marianna Crispino e Carla Perrone Capano, dell’Università Federico II di Napoli.

Il progetto sorto quattro anni fa nel Centro di ricerca sulle Cellule Staminali di Milano si è poi diffuso in quasi tutte le regioni d’Italia e che oggi coinvolge oltre 10 mila studenti.

L’uomo si sa che è l’essere più complesso ed articolato al mondo. L’iniziativa ha l’obiettivo di far conoscere ai giovani cosa sono e come funzionano le cellule staminali, in un modo molto meno scientifico. La sensibilizzazione di queste tematiche deve partire della nuove generazioni, le quali in futuro potranno dare nuovi input allo studio delle staminali neurali, vegetali e in medicina. Il concerto  – organizzato da Donatello Prisco, genista dell’Igb-Cnr e Chiara Mallozzi, compositrice del Conservatorio “San Pietro a Majella” – ha messo in scena alcuni strumenti, dal violino al fagotto, seguendo lo spartito di note riprodotte dal genoma umano.

In un primo momento è stata assegnata una nota diversa a ogni lettera che compone il Dna (le quattro lettere che rappresentano le basi dell’acido desossiribonucleico: G A T C) e un algoritmo ha tradotto le sequenze genetiche, riproponendo successivamente le informazioni codificate in spartito musicale.



© Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.