• Google+
  • Commenta
24 marzo 2012

Metropolitane sostenibili: il primo test a Barcellona

Metropolitane sostenibili questa è la sfida del domani accettata dall’azienda Cofely Gdf Suez che, attraverso il suo progetto di ricerca Sustainable Energy Management for Underground Stations e finanziamenti della Commissione Europea, sta cercando di portare a compimento

La sperimentazione partita a febbraio di quest’ anno ha durata triennale e vede la partecipazione tra i vari partners dell’Università Politecnica delle Marche.

L’ iniziativa rientra nello studio del forte impatto sui consumi e sull’ inquinamento e dello spreco di energia prodotto dal sistema di trasporto metropolitano.

Il progetto Seam4Us ha lo scopo di sviluppare tecnologie avanzate per controllare ed ottimizzare i consumi intervenendo sui consumi secondari generati, ad esempio, dai sistemi di ventilazione, dagli impianti di illuminazione, dal trasporto verticale che costituiscono il 30 per cento dell’ energia utilizzata nelle stazioni metropolitane.

Attraverso un sistema di sensori collegati ad un server centrale è possibile monitorare i parametri ambientali come umidità, temperatura, affollamento in modo da elaborare sistemi di gestione integrata dell’ energia in grado di ridurre l’ impatto ambientale come la concentrazione di CO2.Questo tentativo di gestire gli sprechi vedrà il primo test a Barcellona nel mese di maggio. Nella stazione Paseo de Gracia i ricercatori cercheranno di ridurre dal 5 al 10 per cento i consumi energetici annuali.

Se la sperimentazione che continuerà nei prossimi due anni dovesse fornire risultati soddisfacenti l’ applicazione di questo studio su vasta scala costituirebbe un interessante modello di efficienza energetica e quindi un ottimo passo verso una conduzione sostenibile di catalizzatori di consumi come il sistema dei trasporti e non solo.

Per maggiori info si rimanda alla consultazione dell’indirizzo web: http://seam4us.eu/



© Riproduzione Riservata