• Google+
  • Commenta
6 marzo 2012

Non Solo Solo: ecco la seconda serata con la Stella

Seconda serata per Non Solo Solo, la rassegna  promossa al Teatro Nuovo dal CDTM – Circuito Campano della Danza nell’ambito del cartellone Quelli che la Danza.

Due gli spettacoli previsti.

Alle 20.30 in Sala Assoli Mariella Celia, giovane danzatrice salernitana “scoperta” da Ismael Ivo a Paestum due anni durante la residenza creativa che ha dato vita a “Les Danseurs Napolitains”, sarà protagonista dell’ultima creazione di Oretta BizzarriVerdina Stella“. Uno spettacolo teatrale con musica, danza e video, che racconta la nascita di un personaggio e della scoperta del suo posto nel mondo. “Ogni volta che sono di fronte ad un interprete, ciò che più mi appassiona è riuscire a condurlo verso la rivelazione dell’unicità del suo mondo poetico ed espressivo”, spiega la coreografa. “L’incontro con Mariella Celia è stato l’incontro con un’interprete completa, una fortissima presenza scenica, e cosa assai rara per un danzatore, un irresistibile talento comico. Rintracciare l’archetipo che si cela dietro l’umanità di Mariella ha generato Verdina Stella, il personaggio che attraversa da solo tutto lo spettacolo. Un personaggio tenero, puro, buffo e drammatico allo stesso tempo come lo sono i veri clown, un tramp solitario alla ricerca del suo posto nel mondo, capace di illuminarlo con la sua natura inconsapevolmente salvifica. Verdina Stella rivela se stessa, semplicemente, è lei stessa una storia, l’incarnarsi delle sue sconclusionate correnti interiori, delle sua oscurità e della sua luce, della sue fragilità, delle sue piccole e profonde follie”.

Come altri lavori di Oretta Bizzarri, anche Verdina Stella restituisce il senso della ricerca della coreografa, con l’intreccio di movimento e voce, di danza e testo. La forza del corpo, della danza, della voce, delle parole, di un vocabolario scaturito interamente da un lungo percorso d’improvvisazione e di scrittura automatica, sono i principali canali espressivi dello spettacolo. Un altro importante apporto lo dà il contributo del regista video Guglielmo Enea. Con le immagini filmate si raccontano i primi passi del personaggio, la ricerca della sua natura, i suoi primi incontri, l’uscita nel mondo. La musica, spaziando da Tom Waits a Bizet, da Ovadia a Murolo, svela il “ritmo fondamentale” di ogni momento della narrazione.

 

Alle ore 22.00 in Sala Grande ChiaraDanza presenta la prima nazionale di “Deny Me and Be Doomed“, un’insolita performance sul tempo che si serve delle forme del teatro-danza, del burlesque e del circo-teatro rielaborate e interpretate da Gaetano De Vincenzo, in arte Kio, e Bonnie Paskas. Danzatori e coreografi di straordinaria esperienza Kio, che firma progetto e regia, dirige il Laboratorio Teatrale The Worrybeads; Bonnie Paskas, che firma invece le coreografie, è stata membro della compagnia del Tanztheater di Norimberga, sotto la direzione di Daniela Kurz e a partire dal 2006 ha lavorato come artista freelance, collaborando con diversi coreografi australiani. Nel 2011 ha presentato a Napoli “Let Fly and Channel”. In scena con loro anche Clara Claricchio.

 





© Riproduzione Riservata