• Google+
  • Commenta
19 marzo 2012

Stanza degli orrori nell’ateneo di Colonia

Una stanza intera piena di cadaveri, arti amputati, cervelli umani, animali e neonati sotto formalina. E’ quanto scoperto la scorsa settimana nella cantina dell’istituto di anatomia dell’università di Colonia. Il macabro ritrovamento, a cui si aggiunge la morte dell’ex capo del dipartimento di anatomia del’ateneo, avvenuta il mese scorso, ha scosso l’intero istituto.

Il corpo del professor Jürgen Koebke, 66 anni infatti  è stato trovato sotto un ponte di Colonia , il mese scorso, la polizia sospetta il suicidio, ma la vicenda si è tinta ulteriormente di giallo visto che l’uomo,  prima del gesto ha lasciato una nota dove faceva riferimento alle numerose “irregolarità” del suo istituto.

Irregolarità come quella, secondo una prima ricostruzione dello Spiegel Online, collegata alla stanza degli orrori, scovata da un membro del personale, attirato dal forte odore proveniente dai sotterranei.

L’uomo afferma che al momento della visitail sistema di raffreddamento era rotto, e la stanza puzzava tremendamente di marcio, sembrava un film dell’orrore. Sugli scaffali – ha aggiunto – era ordinato un gran numero di secchi contenenti nasi, braccia, gambe”. Arti appartenenti a un centinaio di persone che avevano donato i loro corpi alla ricerca medica, dimenticate da decenni nei sotterranei dell’ateneo che ora sta cercando di identificarli tramite l’archivio dei donatori.

Il rettore dell’università, Axel Freimuth, ha definito la scoperta “completamente inaccettabile”  definendosi  “profondamente sconvolto e scioccato,  i cadaveri animali potrebbero essere riconducibili a un legame passato tra l’istituto e zoo Colonia .

Una commissione sta indagando ulteriormente, ma l’ufficio del pubblico ministero ha smentito l’esistenza di prove che colleghino la stanza ad alcun crimine.

Lo scandalo ha messo alla berlina la pratica della donazione di cadaveri all’istituto per scopi medici. Una tendenza notevolmente aumentata negli ultimi dieci anni da quando il governo ha tagliato il  sostegno statale per le spese funerarie.

 


© 2004-2015 Controcampus è una testata registrata al Tribunale di Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro, Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Area riservata | Web agency