• Google+
  • Commenta
24 marzo 2012

UniSalento-Cina: nasce il dottorato internazionale italo-cinese

Mobilità extraeuropea e consolidamento delle relazioni scientifiche CinaUniSalento: è questa la base del programma di dottorato internazionale “Technological Innovation and Entrepreneurship”, frutto dell’accordo stipulato tra l’Università del Salento e la cinese Sun Yat-Sen University. Il dottorato prevede una condivisione di esperienze e di conoscenze scientifiche tra le due istituzioni, unite per lo sviluppo dell’eccellenza tecnologica. Nello specifico, saranno coinvolti il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’università salentina e la Business School dell’università cinese. Ricercatori e docenti saranno chiamati alla mobilità internazionale, quale indispensabile risorsa per una solida crescita formativa nell’ambito dell’innovazione e della imprenditorialità tecnologica.

Il coordinamento della sezione italiana del programma di dottorato sarà affidato alla professoressa Giuseppina Passiante, Ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Ateneo.

Cina e Salento, dunque, ancora una volta binomio vincente nella cooperazione scientifica: la collaborazione italo-cinese, infatti, ha avuto inizio più di tre anni fa, ed il dottorato è solo uno dei tanti risultati di tale accordo.

Non solo Cina, però, tra la fitta rete di accordi internazionali che vanta l’Università del Salento: sono 25 le istituzioni extraeuropee con le quali l’ateneo pugliese ha stipulato convenzioni, prime fra tutte le università statunitensi ed australiane; oltre 150, invece, i programmi di ricerca e scambio previsti all’interno dell’Unione europea. Più di trecento, gli studenti coinvolti ogni anno in progetti di mobilità internazionale.

Si tratta senza dubbio di numeri che non passano inosservati all’interno di uno scenario accademico sempre più orientato alla internazionalizzazione dell’offerta formativa: una ulteriore conferma della consolidata tradizione di cooperazione con contesti esteri, da anni, carta vincente dell’università salentina.



© Riproduzione Riservata