• Google+
  • Commenta
22 aprile 2012

Lube Volley Macerata da scudetto

La partita tra Lube Macerata e Itas Diatec Trentino al Forum di Assago di Milano è stata uno dei più bei spettacoli che il volley potesse sperare per una finale di scudetto.

L’inizio non faceva ben sperare per la squadra marchigiana segnalando una netta superiorità dei trentini decisamente più forti soprattutto nelle zone centrali e grazie all’immancabile muro che blocca continuamente l’attacco bianco rosso e grazie al quale i giallo blu riescono a strappare i primi due set con troppa poca fatica chiudendo il due a zero addirittura per 25 a 12.

La Lube Macerata, accompagnata nella trasferta da tremila dei suoi tifosi, con una serie di errori quasi banali non sembra la stessa squadra arrivata seconda durante la regular season e che ha abituato il suo pubblico a un ottimo volley, al contrario quello giocato dalla Itas Diatec Trentino sembra un gioco da manuale. Le previsioni sembravano quindi scontate.

Chi segue la pallavolo sa che spesso un netto due a zero può trasformarsi di colpo e il risultato capovolgersi, questo è quello che è effettivamente accaduto poi. Il terzo set segna la rimonta dei maceratesi che dopo un timido inizio, e con un gioco finalmente più equilibrato, riescono piano piano a strappare un set decisivo per la rimonta, soprattutto psicologica, dei giocatori bianco rossi.

La Lube Macerata riesce a dare un bel colpo di reni e dopo essere stata sottomessa nel gioco dalla Itas Diatec Trentino riacciuffa i suoi avversari riuscendo a conquistare anche il quarto set grazie soprattutto alla ventata di freschezza portata in campo dal giovane Simone Parodi che, nonostante l’uscita di Cristian Savani, riesce finalmente a distanziare gli avversari grazie a un ottimo servizio.

Il tie break diventa uno stillicidio, le due squadre si tallonano e il cuore batte all’impazzata. Lo spettacolo è eccelso ed è difficile decidere chi meriti maggiormente la coppa, forse ce ne sarebbero volute due questa sera ma la gara prevede che ci sia un solo vincitore ed è la Lube Macerata a strappare lo scudetto ai vincitori uscenti dell’Itas Diatec Trentino con un 22-20.

Sicuramente le polemiche terranno banco per qualche giorno perché l’ultimo punto assegnato alla Lube Macerata è piuttosto dubbio poiché dai replay la palla sembrerebbe in campo, resta il fatto che Macerata ha fatto una rimonta straordinaria mentre Trento ha arrancato, forse anche per l’infortunio di Osmany Juantorena che però si è rifiutato di uscire, e che se avesse fatto meno errori quella palla contestata non avrebbe fatto la differenza.



© Riproduzione Riservata