Ultimo articolo delle 10:35 a cura di Redazione Controcampus
venerdì, 27 marzo 2015
2 agosto 2013
 

Origini dell’Uomo. Una Ricerca rivela le origini dell’uomo nel DNA dei sardi

Università degli Studi di PISA – Origini dell’Uomo: La Sardegna come l’Europa: nella popolazione dell’isola è presente quasi l’intera gamma di variazioni del DNA degli abitanti del continente

Origini dell'Uomo

Origini dell’Uomo

Lo studio internazionale a cui ha partecipato anche il Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa è pubblicato sulla rivista Science di agosto

Un nuovo tassello per spiegare la nostra storia e le Origini dell’Uomo.

Una ricerca internazionale sulle Origini dell’Uomo, a cui ha partecipato anche il Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa, ha analizzato la porzione del cromosoma Y a trasmissione esclusivamente maschile nella popolazione della Sardegna, scoprendo che l’isola contiene quasi l’intera gamma di variazioni del DNA degli Europei continentali ed alcune mutazioni specifiche. I risultati dello studio sono pubblicati sul numero di agosto della rivista “Science” in un articolo intitolato “Low pass DNA sequencing of 1,200 Sardinians reconstructs European Y chromosome phylogeny” (sciencemag).

Oetsi antenati con Sardi

Oetsi antenati con Sardi

Le Origini dell’Uomo – Gli scienziati hanno potuto combinare dati archeologici e genomici per definire con una precisione senza precedenti la velocità con cui si accumulano le mutazioni su questo cromosoma. Ciò ha permesso di ricostruire le diverse fasi di popolamento della Sardegna e di suggerire una “stratigrafia genetica” delle migrazioni preistoriche che hanno plasmato il continente europeo. Questo ricalibrato orologio molecolare ha collocato a circa 200.000 anni fa l’antenato capostipite di tutta l’attuale variabilità genetica della nostra specie.

“Il nostro ruolo specifico in questo studio – ha spiegato Sergio Tofanelli, antropologo molecol.are del Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa – è stato quello di aver fornito e analizzato dei campioni toscani di DNA che sono risultati utili per fissare lungo la genealogia del cromosoma Y i principali cambiamenti demografici intervenuti e, quindi, per calibrare il tasso di cambiamento molecolare avvenuto nel corso del tempo.”

Esistono infatti evidenze molecolari e non molecolari del ruolo cruciale esercitato ripetutamente dalla Toscana come zona di passaggio per il flusso di genti dal continente alle isole del Mediterraneo”.

“Dal punto di vista metodologico – ha concluso Tofanelli – il nostro studio è significativo perché rimette al centro della ribalta scientifica il cromosoma Y ritenuto poco informativo e marginale in quanto piccolo, diverso nella sequenza e portatore soltanto di una manciata di geni. Forse si può dire che oggi abbiamo aiutato un brutto anatroccolo a diventare un giovane cigno”.

 

 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

 


Ricerca Articoli

Ricerca Appunti

Ricerca Annunci

Erasmus

Arts & Entertainment

Cultura
Domenica delle Palme 2015: origini ...

Il 29 Marzo è la Domenica delle Palme 2015 e si festeggia l'ingresso di Gesù a Gerusalemme, da ...

Spettacoli
Il laureato il 28 e 29 Marzo al ...

Il Laureato è la prima opera scritta e curata interamente da Valentina Mustaro, la regista ...

Eventi
Week end Pasqua e Pasquetta 2015: ...

Il 4 e 5 Aprile è il Week end Pasqua e Pasquetta 2015: ecco le offerte per vacanze, viaggi low ...

Cinema
Acque contaminate: anticipazione le ...

Dopo il servizio sui cibi contaminati da metalli pesanti e sulla frutta inquinata, torna Nadia ...

Associazioni

Protesta studentesca Unisalento contro Giannini e ...

All'UniSalento una protesta studentesca prende vita durate l'inaugurazione dell'anno accademico con la presenza del Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini e il ...

Sport

CUS Unime e CUG uniti per “Un calcio al razzismo”

CUS UNIME - Ha avuto un grande successo l’iniziativa benefica “Un calcio al razzismo”, realizzata congiuntamente dal CUS Unime e dal Comitato Unico di Garanzia ...