• Google+
  • Commenta
13 gennaio 2014

AlmaLaurea: disoccupazione in aumento nel rapporto almalaurea

Offerte di lavoro Zalando

La disoccupazione giovanile secondo AlmaLaurea non solo è esplosa al 41,7%, ma crescono anche le differenze fra Nord e Sud per chi si laurea.

Almalaurea - Disoccupazione Giovanile

Almalaurea – Disoccupazione Giovanile

Diciassette punti percentuali, dice AlmaLaurea, in aumento di due punti rispetto a quanto rilevato nella precedente indagine.

Il tasso di occupazione per AlmaLaurea è del 52,5% tra i laureati del Nord (tra i quali il 17% coniuga studio e lavoro) e del 35% al Sud. Indipendentemente dalla sede universitaria dove i giovani hanno compiuto i propri studi.

Al sud dice AlmaLaurea i laureati triennali, sperando in un qualche sbocco, continuano così gli studi verso un corso di secondo livello più che al Nord: 59% contro il 51%.

Al Centro l’occupazione è pari 47%, mentre la quota che si dichiara iscritta alla laurea di secondo livello è al 55%.  .

Il differenziale territoriale si accentua consistentemente nei gruppi educazione fisica, linguistico ed economico-statistico, fino a raggiungere addirittura i 24 punti percentuali.

Le donne al Sud secondo AlmaLaurea sono più svantaggiate: 10 punti in meno nella occupazione, rispetto ai 4 punti al Nord.

Le tradizionali differenze retributive di genere risultano inoltre accentuate al Sud: gli uomini guadagnano infatti il 41% in più delle colleghe (contro il 26% nelle aree settentrionali).

Da sottolineare, anche in tal caso, che le retribuzioni (quasi 2.300 euro) di quanti lavorano all’estero (anche a cinque anni pari al 7% del complesso degli occupati) sono significativamente superiori ai colleghi rimasti in madrepatria.

Si confermano nei dati AlmaLaurea più elevati i guadagni mensili netti dei laureati al Nord (1.086 euro) rispetto alle regioni centrali (1.001 euro) e soprattutto nel Mezzogiorno (900 euro).

Rispetto alla precedente rilevazione le retribuzioni risultano in diminuzione in tutte le aree considerate, dal 2,5% al Nord al 5% al Sud.

Se si tiene conto del mutato potere d’acquisto dei laureati, registrato nell’ultimo anno, le differenziazioni appena citate si accentuano ulteriormente: rispetto allo scorso anno figurano infatti in calo del 5% al Nord e di quasi l’8% al Sud.

Tra i fortunati che lavorano al Sud secondo AlmaLaurea il 45% prosegue la medesima attività lavorativa avviata prima di terminare gli studi universitari; tra i colleghi delle aree settentrionali, invece, tale quota è pari al 32%. Si registrano ampie differenze tra Nord e Sud anche come diffusione di attività non regolamentate: 5 e 14%.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy