• Google+
  • Commenta
13 gennaio 2014

Aumenti e Tasse 2014: nuovi aumenti scuola, sigarette e trasporti

Aumenti

Arrivano gli aumenti 2014: qui una rapida indicazione sui principali aumenti dell’anno.

Aumenti

Aumenti

Il costo della vita si fa sempre più alto e non tardano ad arrivare gli aumenti annunciati verso la fine di dicembre scorso. Secondo i calcoli di Adusbef e Federconsumatori, l’aggravio medio è di quasi 1.400 euro a famiglia, considerando spese come l’alimentazione, la benzina, luce, gas, riscaldamento, tasse, i costi per la scuola, ecc.

Si considera anche i prossimi aumenti di altre spese, che potranno aumentare entro al 2016, ad esempio gli aumenti nel setto delle poste (che potrà passare da 0,70 fino a 0,95 euro per spedire una lettera e da 3,60 fino a 5,40 euro per una raccomandata).

In questi primi giorni del 2014 invece sembra essere positiva la tendenza sul fronte carburanti, infatti sembra decrescere il prezzo di benzina, diesel e anche Gpl; restiamo in attesa di ulteriori sviluppi. Chi utilizza poco l’automobile e si sposta con i mezzi pubblici dovrà adeguarsi anche ai nuovi aumenti dei costi dei trasporti pubblici (+81 euro).

Aumenti e Tasse

Aumenti e Tasse

Anche le semplici spese alimentari subiranno ulteriori aumenti, ogni famiglia in media spenderà circa 320 euro in più rispetto all’appena trascorso 2013. Caffè, merendine e bibite subiranno degli aumenti in media del 6%, previsto quindi tra il 4% e il 10% a causa dell’aumento dell’iva.

Per i pedaggi autostradali gli aumenti medi previsti è del 3,9% ma non si escludono picchi fino all’8%; subiscono eccezionali variazioni alcuni tratti autostradali come la tratta Venezia-Padova che potrebbe passare da 70 centesimi fino a tre euro (incremento del 400%).

Gli aumenti 2014: luce e Canone Rai. La luce subirà un incremento dello 0,7% che sulla spesa familiare porterà un’ulteriore uscita annua di 4 euro. Cresce anche il Canone Rai, da pagare oltre il 31 gennaio 2014, potrebbe aumentare fino a 6 euro in più rispetto all’anno precedente, passando dagli attuali 113,50 a 119,50 euro.

Aumenti anche sul versante scolastico, per acquistare i libri scolastici ogni famiglia in media spenderà circa 75 euro in più a figlio rispetto all’anno scorso. Non manca l’impennata della tassa sulla casa che arriverà a costare circa 195 euro in più. Infatti la nuova Iuc, che sostituisce la vecchia Imu (imposta sulla casa) e la Tares (imposta sui rifiuti e sui servizi), sarà composta da Imu, Tasi sui servizi indivisibili e Tari (nuova tassa sui rifiuti) e sarà più cara della precedente imposta.

Anche per gli amanti del tabacco non ci sarà scampo: previsti aumenti sulle sigarette dello 0,7%, portando nelle casse dello Stato un totale previsto di 33 milioni di euro nel 2014 e di 50 milioni nel 2015.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy