• Google+
  • Commenta
22 gennaio 2014

L’Univr nel giorno della memoria con Esther Béjarano

Univr - Bejarano e Coscia

Università degli Studi di VERONA – La ragazza con la fisarmonica all’Univr

Univr - Bejarano e Coscia

Univr – Bejarano e Coscia

Concerto, conversazioni, letture e immagini all’Univr con Esther Béjarano che suonava nell’orchestra femminile di Auschwitz.

La memoria è un impegno civile, un testimone da passare di generazione in generazione.

Non sempre tuttavia è possibile attingere direttamente ai ricordi di chi è stato protagonista, talvolta vittima, degli accadimenti storici. In occasione del Giorno della Memoria, l’Univr organizzerà un evento d’eccezione, accogliendo Esther Béjarano, musicista che alla soglia dei 90 anni dedica la sua vita alla stessa arte – la musica ­che poco più che adolescente fu costretta a coltivare nel campo di concentramento di Auschwitz, obbligata a suonare nell’orchestra femminile.

La voce di Esther e la sua musica si diffonderanno dal palco del Polo Zanotto il 28 gennaio con il concerto “La ragazza con la fisarmonica”. L’evento sarà l’occasione per ripercorrere uno dei più grandi genocidi della storia dell’umanità attraverso la musica, le immagini e le conversazioni con chi ha subito questo dramma. Il concerto è organizzato dal dipartimento Tempo, spazio, immagine, società con il contributo di tutti gli altri dipartimenti dell’Univr. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

“La presenza di Esther Béjarano a Verona Univr è un evento eccezionale di cui vorrei che la città cogliesse tutta l’importanza – spiega Gianpaolo Romagnani, direttore del dipartimento Tesis dell’ateneo scaligero -. Si tratta di una delle poche reduci di Auschwitz ancora in vita. Una donna di straordinaria energia e vitalità che ha saputo attraversare il Novecento a testa alta senza mai rinunciare ad esprimere il proprio pensiero, anche controcorrente. Dalla deportazione subita nella Germania di Hitler, alla partecipazione alla costruzione dello Stato di Israele nel dopoguerra, dal quale si è allontanata nel 1960 in opposizione alla politica militarista e antipalestinese dei governi; fino al ritorno in Germania e alla sua partecipazione ai movimenti di lotta contro il razzismo e la xenofobia, sempre Ester Béjarano ha alzato la voce contro le ingiustizie. L’Univr è orgogliosa di poter far conoscere alla città questa straordinaria testimone che è anche e da sempre una musicista di valore e una personalità di eccezionale forza comunicativa. In un clima di crescente xenofobia e razzismo, come quello che sta montando anche in Italia, abbiamo voluto  evitare, quest’anno, che la giornata della memoria diventasse un’occasione rituale o fosse vissuta sotto tono, ma abbiamo voluto proporre un evento di sicuro impatto. Un’occasione di riflessione da non perdere”.

La ragazza con la fisarmonica all’Univr. Protagonista assoluta della serata, Esther Béjarano proporrà un repertorio fatto di canti e musica della Resistenza e della Deportazione in yiddish, romanes e russo visti come espressione di lotta e testimonianza per rinnovare il terribile ricordo dell’olocausto. Esther Béjarano sarà accompagnata dal figlio Joram al basso e da Gianni Coscia alla fisarmonica. Il titolo dello spettacolo prende spunto dal libro di memorie dell’artista curato da Antonella Romeo (Edizione SEB27, 2013). Ad aprire il concerto sarà il film documentario Esther che suonava la fisarmonica nell’orchestra di Auschwitz che riporta l’intervista con l’autrice, sequenze dai suoi concerti, oltre che foto e filmati presi dall’archivio privato dell’autrice e da altri archivi storici. Seguirà il dialogo condotto dalla curatrice del libro per conoscere meglio la storia dell’artista tedesca, l’esperienza del lager, il ruolo dell’orchestra nel campo di concentramento, il suo rapporto con la musica oggi, occasione per rammentare al pubblico il passato, ma anche le urgenze del presente.

Esther Béjarano  nasce il 15 dicembre 1924, nella Saarland, in Germania, da una famiglia di musicisti di origine ebraica. Viene deportata nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1943, dove riesce a entrare nell’orchestra del lager, come fisarmonicista e poi come flautista e chitarrista. In seguito lavorerà forzatamente per un anno e mezzo nel Lager di Ravensbrück.

Nel 1945 dopo la Liberazione emigra in Palestina, dove vive giù una sorella. Nel 1960 decide di lasciare lo Stato di Israele e di tornare in Germania insieme al marito e ai due figli. Agli inizi degli anni Ottanta suona fra gli altri con il gruppo Coincidence, fondato dalla figlia Edna. Dal 2009 canta anche insieme al gruppo rap hip-hop Microphone Mafìa, composto dal figlio Joram e dai rappers Kutlu Yurtseven e Rosario Pennino, figli di immigrati turchi e italiani.

Gianni Coscia, nato ad Alessandria, è conosciuto in tutto il mondo come “jazz accordionist”. Nel 1993 ha collaborato con Luciano Berio alla scrittura della musica per uno spettacolo contro l’antisemitismo. Ha inciso numerosi album e cd, i più recenti sono la trilogia in duo insieme al clarinettista Gianluigi Trovesi: un omaggio alla musica di Offenbach (2011) e di Weill (2005) e il cd In cerca di cibo (2000), che riprende le musiche del compositore Fiorenzo Carpi, colonna sonora del Pinocchio di Comencini. Coscia insieme a Trovesi reinterpreta la musica classica, il jazz così come la musica popolare; come ne ha scritto Umberto Eco: «un modo di rendere popolare la musica colta e colta la musica popolare».

Univr


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy