• Google+
  • Commenta
20 gennaio 2014

Unimore: salute mentale nei giovani

Unimore - Salute Mentale

Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA – Convegno internazionale all’Unimore sulla salute mentale nei giovani

Unimore - Salute Mentale

Unimore – Salute Mentale

Lo sviluppo di difficoltà e vere e proprie patologie di tipo psicologico e psichiatrico nell’età infantile e dell’adolescenza sono al centro del convegno internazionale ospitato dall’Unimore “Verso un nuovo approccio alla salute mentale dei bambini e degli adolescenti: nuovi paradigmi e nuove collaborazioni nella ricerca, nella formazione e nei servizi”. Il meeting riunirà esperti italiani e stranieri, in un confronto fra gli avanzamenti della ricerca, delle tecniche e degli strumenti con cui innovare l’offerta di servizi per le cure mentali nei giovani. L’appuntamento è a Modena martedì 21 gennaio 2014.

L’incidenza delle malattie mentali negli adolescenti è oggi molto ben documentata a livello scientifico, dove si mostra come i ragazzi in questo periodo della loro vita siano particolarmente vulnerabili. Si calcola che il 75 percento dei problemi di salute mentale inizi prima dei 25 anni e il 50 percento tra i 12 e i 25 anni. Malgrado questi dati, i giovani con disturbi psicologici e psichiatrici spesso non accedono alle cure di cui necessitano: solo uno su quattro, infatti, riceve un aiuto professionale. La conseguenza è che questa sottovalutazione va ad incidere sulla vita scolastica, lavorativa e relazionale, trascinandosi nell’età adulta.

A partire da questa consapevolezza e dalla rilevanza e urgenza di questi temi, le cattedre di Neuropsichiatria Infantile e di Psichiatria dell’Unimore, guidate rispettivamente dal prof. Ernesto Caffo e dal prof. Marco Rigatelli, si sono fatte promotrici di un convegno internazionale dal titolo “Verso un nuovo approccio alla salute mentale dei bambini e degli adolescenti: nuovi paradigmi e nuove collaborazioni nella ricerca, nella formazione e nei servizi”, che si terrà il 21 gennaio 2014 presso la Camera di Commercio di Modena (via Ganaceto 134) con inizio alle ore 9.00.

L’obiettivo del convegno Unimore è quello di presentare i più recenti sviluppi nell’ambito degli studi sulla salute mentale dei bambini e degli adolescenti, cui concorrerà un panel di esperti nazionali e internazionali, così da contribuire ad individuare nuovi approcci e nuovi modelli di intervento per gli adolescenti, sostenuta dalla convinzione che si rende sempre più necessaria una trasformazione dei servizi di salute mentale rendendoli più vicini, accessibili, tempestivi ed efficaci nell’intervento.

La psichiatria e la neuropsichiatria infantili sono oggi coinvolte in un processo di radicale trasformazione, che avviene grazie alle recenti scoperte nell’ambito delle neuroscienze, più in particolare della genetica e dell’epigenetica, al contributo della ricerca traslazionale, all’implementazione ed alla validazione di modelli di intervento sul benessere mentale che prevedono da un lato l’integrazione tra diverse discipline, dall’altro una cultura della cura che privilegia la prevenzione e la partecipazione attiva della comunità.

E’ indispensabile – ha affermato il prof. Ernesto Caffo dell’Unimore – individuare nuove epistemologie, così come superare vecchi modelli di classificazione e logiche semplicistiche causa-effetto. Non si può poi dimenticare lo stigma che ancora oggi è associato alla disabilità mentale e che, laddove non impedisce, certamente ritarda l’intervento su coloro che ne hanno bisogno. I ragazzi devono invece poter accedere con facilità ai servizi di salute mentale, che sempre più dovranno essere <a loro misura>, e partecipare attivamente al percorso di cura. Il rinnovamento dei servizi che auspichiamo dovrà prevedere anche una partecipazione più attiva della comunità stessa alla promozione del benessere delle giovani generazioni, nonché una maggiore attenzione ai più recenti sviluppi delle conoscenze scientifiche in questo settore e dunque ai modelli di trattamento di dimostrata efficacia a livello internazionale. Un esempio, a questo proposito, è rappresentato dal Canada, che ha saputo integrare le risorse a disposizione per sviluppare interventi di eccellenza: l’Unimore può costruire un valido punto di riferimento in questo processo di rinnovamento, proprio a partire dalla collaborazione con questo Paese che ha un sistema di welfare e di formazione comparabile a quello europeo”.

Il convegno, aperto dai saluti del Rettore dellUnimore, prof. Angelo O. Andrisano, del prof. Paolo Paolucci del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Materno-Infantili e dell’Adulto e del prof. Marco Rigatelli del Dipartimento di Medicina Diagnostica, Clinica e di Sanità Pubblica, entrambi dellUnimore, sarà introdotto dal prof. Ernesto Caffo, docente di Neuropsichiatria Infantile all’Unimore. A seguire interverranno: il prof. Norman Sartorius, Presidente dell’Association for Improvement in Mental Health di Ginevra, il prof. Bennet Leventhal, Presidente del WPA Working Group in Child and Adolescent Psychiatry, il prof. Michel Maziade, docente di Psichiatria presso la Laval University (Canada), Marco Battaglia, professore di Psichiatria presso la Laval University (Canada), il prof. Ian Boechk, Direttore della “Boechk Graham Foundation” di Montreal (Canada).

La sessione pomeridiana del convegno prevedrà inoltre una tavola rotonda dal titolo: “Il futuro della salute mentale dei bambini e degli adolescenti nei prossimi dieci anni: tra scienze traslazionali e collaborazioni multidisciplinari” alla quale interverranno: Sergio Bernasconi, professore ordinario di Pediatria (Univ. di Parma), Giuseppe Cossu, professore ordinario di Neuropsichiatria infantile (Univ. di Parma), Nicolino D’Autilia, presidente dell’Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Modena, Diana de Ronchi, professore ordinario di Psichiatria (Univ. di Bologna), Giovanni Fava, professore ordinario di Psicologia clinica (Univ. di Bologna), Simona Gaudi, ricercatore presso l’Istituto Superiore di Sanità di Roma, Cristina Mussini, professore associato in Malattie infettive Unimore, Paolo Paolucci, professore ordinario di Pediatria Unimore, Paolo Stagi, Direttore del Servizio di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Azienda USL di Modena.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy