• Google+
  • Commenta
23 gennaio 2014

Università di Modena e Reggio Emilia: Giorno della Memoria

Docenti Unimore ricordati nel Giorno della Memoria

Università di MODENA e REGGIO EMILIAGiorno della Memoria all’Università di Modena e Reggio Emilia

Unimore - Giorno della Memoria

Unimore – Giorno della Memoria

Nel <Giorno della Memoria> l’Università di Modena e Reggio Emilia ricorda i suoi docenti allontanati nel 1938 dall’insegnamento a seguito della promulgazione delle leggi razziali, deponendo una corona d’alloro sotto la lapide ricordo di queste vittime. Presenti il Sindaco prof. Giorgio Pighi ed il Rettore prof. Angelo O. Andrisano.

La cerimonia il 27 gennaio precederà un doppio appuntamento organizzato dall’Ateneo, dal Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali e dall’Istituto Storico di Modena, dedicato a comprendere meglio il ruolo del “Governo di Vichy” in Francia, che porterà a Modena la prof. ssa Irene Di Jorio dell’Université Libre de Bruxelles (Belgio).

Un duplice appuntamento, preceduto dalla deposizione di una corona d’alloro davanti alla lapide che ricorda nell’atrio del Palazzo del Rettorato i 6 docenti dell’Ateneo allontanati dall’insegnamento accademico per ragioni razziali, segna la partecipazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia al ricordo dell’abbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, dove furono rinchiusi e perirono oltre un milione di ebrei, una data storica che nel 2000 è stata proclamata “Giorno della Memoria”.

Il 27 gennaio, alle ore 10.00, nella sede centrale dell’Università di Modena e Reggio Emilia (via Università 4) il Sindaco della città prof. Giorgio Pighi ed il Rettore prof. Angelo O. Andrisano, presenti i rappresentanti della Comunità ebraica di Modena e Reggio Emilia e delle associazioni partigiane, deporranno una corona d’alloro sotto il portico del cortile del Palazzo, dove è collocata la lapide a ricordo dei 6 docenti modenesi allontanati nel 1938 dall’insegnamento a seguito della promulgazione delle leggi razziali volute dal regime fascista: il filosofo del diritto Benvenuto Donati, il penalista e processualpenalista Marcello Finzi, la farmacologa Angelina Levi, il chimico Maurizio Leone Padoa, l’anatomopatologo Enrico Ravenna, l’igienista Alessandro Seppilli.

Successivamente alle ore 10.30 per iniziativa dell’Università di Modena e Reggio Emilia, del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali e dell’Istituto Storico di Modena sarà ospitato un seminario, aperto dal saluto del Rettore prof. Angelo O. Andrisano, che mira ad approfondire e comprendere come il fenomeno del razzismo non sia rimasto un fatto circoscritto alle dittature tedesca ed italiana, ma abbia attecchito anche nella patria dell’illuminismo. “Propaganda e creazione del consenso nella Francia di Vichy (1940-1944)” è l’argomento introdotto dal prof. Alfonso Botti, docente di Storia contemporanea all’Università di Modena e Reggio Emilia, che precederà la conferenza della prof. ssa Irene Di Jorio dell’Université Libre de Bruxelles (Belgio). L’appuntamento sarà coordinato da Giulia Ricci dell’Istituto Storico di Modena.

Gli anni di Vichy (1940-1944) – spiega il prof. Alfonso Botti ddell’Università di Modena e Reggio Emilia – rappresentano il lato più oscuro della storia francese del Novecento.

Dopo la disfatta militare e politica del 1940 lo stato collaborazionista guidato dal maresciallo Pétain va ben oltre il ruolo, tradizionalmente assegnatogli dalla vulgata storiografica, di istituzione fantoccio funzionale al dominio tedesco. Nella persecuzione degli ebrei come nel contrasto alle forze della Francia libera e della Resistenza, ma anche sul piano più direttamente politico della costruzione e promozione del consenso a favore della Rivoluzione nazionale, antidemocratica e antiliberale, il governo di Vichy mostra una autonomia e una capacità di iniziativa originale che costringono ancor oggi non solo la comunità degli storici a interrogarsi sul senso profondo della <fascistizzazione> della Francia e dell’Europa occidentale tutta fra gli anni Trenta e il fuoco della Seconda guerra mondiale”.

Nel pomeriggio alle ore 16.00, sempre per iniziativa dell’Università di Modena e Reggio Emilia, del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali e dell’Istituto Storico di Modena alla Galleria Europa di Piazza Grande si proseguirà con la conferenza, presieduta da Giuliano Albarani dell’Istituto Storico di Modena, su “Vendere Vichy (1940-1944). La Collaboration d’Etat fra problemi d’immagine e propaganda”, che proporrà un intervento del prof. Lorenzo Bertucelli dell’Università di Modena e Reggio Emilia e della prof. ssa Irene Di Jorio dell’Université Libre de Bruxelles (Belgio).

Non possiamo dimenticare – commenta il Rettore prof. Angelo O. Andrisanoa settantacinque anni dalla promulgazione delle leggi razziali in Italia, il significato ed il prezzo pagato per un provvedimento che ha avviato una stagione di odio e di disprezzo, innalzando steccati di incomprensione all’interno della società e delle stesse comunità civili. Anche l’Università di Modena e Reggio Emilia dovette piegarsi alla volontà del regime e assistette all’allontanamento dall’insegnamento di 6 suoi docenti tra i più stimati. Ricordandoli vogliamo riparare agli ingiusti torti patiti da questi colleghi e dei tanti ebrei che finirono i loro giorni nei campi di sterminio, ma vogliamo richiamare anche la comunità universitaria ed accademica ad unirsi nella riflessione, perché cresca in tutti noi la consapevolezza non solo che ciò non si dovrà ripetere, ma che le differenti fedi religiose o l’appartenenza a culture diverse non possono essere motivo di divisione tra i popoli e non giustificano atti di sopraffazione”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy