• Google+
  • Commenta
17 gennaio 2014

Università di Pisa: banca dati digitale del patrimonio toponomastico della

Università di Pisa - Patrimonio Toponomastico Toscana

Università di PISA – Entro il 2014 la banca dati digitale del patrimonio toponomastico della Toscana

Università di Pisa - Patrimonio Toponomastico Toscana

Università di Pisa – Patrimonio Toponomastico Toscana

La ricerca co-finanziata dalla Regione Toscana è condotta dal Centro Interuniversitario di Scienze del Territorio (CIST) insieme al Leonardo IRTA di cui fa parte l’Università di Pisa. E fra i toponimi riscoperti non mancano le sorprese.

Realizzare entro il 2014 un archivio digitale storico-comparativo completo del patrimonio toponomastico della Toscana.

E’ questo l’obiettivo del progetto dell’Università di Pisa “Studio sincronico e diacronico della toponomastica toscana e creazione di un archivio digitale con applicativi GIS” a cui sta lavorando il Leonardo IRTA, l’Istituto di Ricerca sul Territorio e l’Ambiente di cui fa parte anche l’Università di Pisa. La ricerca, coordinata a livello tecnico e scientifico dalla professoressa Giuliana Biagioli, presidente del Leonardo-IRTA,  insieme al professor Fabio Lucchesi dell’Università di Firenze, complessivamente riguarda un’estensione territoriale di 22.994 kmq, ed ha un corpus toponomastico pari a 205.625 toponimi georeferiti. Al termine del lavoro, l’archivio consentirà di arricchire il patrimonio toponomastico toscano di circa il 45% di elementi persi nel tempo.

“Per ora, le analisi fatte hanno prodotto una serie di risultati estremamente interessanti, in vari campi – commenta Giuliana Biagioli – Ne diamo solo qualche esempio. L’attuale Val di Bonea, nel territorio di Montescudaio, deve il suo nome ad un toponimo di origine longobarda che si riferiva ad un bosco in cui passava una ‘strada romea’: era una diramazione della via Francigena, mai scoperta prima. I vari toponimi “Diaccio” e derivati, presenti in molte parti della Toscana, permettono invece di ricostruire le varie direzioni dei percorsi della transumanza in Toscana; ‘diaccio’ infatti era il termine usato per le aree di sosta e riposo degli animali, che infatti dormivano ‘all’addiaccio’. Nel comune di Vecchiano compare poi la ‘via del Folle’, attualmente interpretata come la via in cui ha abitato un pazzo; grazie alle carte catastali ottocentesche è stato invece possibile individuare in questa zona un follo, ovvero una gualchiera. Questa via, infatti, è ancora oggi costeggiata da un rio su cui si trovano i resti di un mulino”.

Il progetto biennale “Studio sincronico e diacronico della toponomastica toscana e creazione di un archivio digitale con applicativi GIS”, avviato nel gennaio 2013, rientra nell’ambito delle attività di ricerca promosse dal CIST e co-finanziate dal SITA (Servizio Informativo Territoriale ed Ambientale), della Regione Toscana. I risultati saranno pubblicati in un e-book che conterrà gli approfondimenti interdisciplinari dei toponimi nel tempo e nello spazio. Il team che attualmente lavora alla ricerca è composto da Francesca Del Maestro, Valbona Flora, Nicola Gabellieri, Francesco Ghizzani, Massimiliano Grava, Mariano Gesualdi, Silvia Marini, Alessandra Martinelli, Giulio Tarchi e Massimo Tofanelli. Collaborano infine alla ricerca anche il dottore Matteo Paolini e i professori Gabriella Garzella, Paolo Macchia, Matteo Massarelli, Cristiana Torti e Denise Ulivieri.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy