• Google+
  • Commenta
11 febbraio 2014

Mostra dell’Università Iuav di Venezia dedicata ad Andreani

Università Iuav di Venezia – Mostra e giornata di studi allo Iuav di Venezia

IUAV

IUAV

Figura originalissima nel panorama dell’eclettismo italiano del primo Novecento, l’architetto mantovano Aldo Andreani (1887-1971) ha conosciuto una fortuna critica esile e discontinua.

La mostra che l’Università Iuav di Venezia dedica ad Andreani e al suo fondo documentario è la prima ad affrontare la figura e l’opera dell’architetto dopo la sua morte, avvenuta nel 1971, ed è  la prima a esporre il suo archivio, di recente depositato all’Archivio Progetti grazie alla disponibilità della figlia, Carla Andreani Menozzi.

Il nucleo principale del fondo Andreani, costituito da un migliaio di disegni che documentano circa novanta progetti di edificazione, di restauro monumentale e di pianificazione urbana, rivela la dimensione estesa del lavoro di un progettista emerso giovanissimo negli anni della prima guerra mondiale, autore di qualche architettura ancora oggi largamente nota (il palazzo della Camera di commercio di Mantova, palazzo Fidia a Milano) ma la cui fortuna professionale declinò rapidamente, segnata da molti impegni progettuali rimasti senza esito realizzativo e da una lontananza sempre maggiore dai principali circuiti professionali.

Con il titolo “Ai limiti”, la mostra Iuav evidenzia un duplice carattere nella vicenda professionale ed espressiva dell’architetto.

Andreani svolse la propria carriera ai limiti del sistema professionale dell’architettura: per aristocratica separatezza, ostinatamente concentrato sul dare forma alla propria poetica, ma anche, dalla metà degli anni Trenta, in conseguenza degli insuccessi professionali nella fase e nella metropoli, Milano, in cui la sua affermazione avrebbe dovuto consolidarsi e perpetuarsi.

La diversione in quegli anni verso la scultura (Andreani era stato allievo di Adolfo Wildt all’Accademia di belle arti di Milano) ne confermò un posizionamento marginale, da outsider.
Contemporaneamente la mostra rivela la natura delle scelte formali di un colto e talentuoso progettista, spesso ai limiti della visionarietà.

La chiusura della mostra Iuav, tappa di un nuovo progetto di ricerca sull’architetto mantovano, coinciderà con una giornata di studi che si terrà il 6 marzo, nell’auditorium del Cotonificio.

Sono previsti gli interventi di Amedeo Belluzzi, Riccardo Dirindin, Roberto Dulio, Fulvio Irace, Mario Lupano, Giulia Marocchi e Angelo Torricelli.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy