• Google+
  • Commenta
24 febbraio 2014

Seminario Unimore di Economia Politica

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – Al via un ciclo di seminari di Economia Politica promossi dal Dipartimento di Economia Marco Biagi dell’Unimore.

Unimore

Unimore

Il primo appuntamento all’Unimore martedì 25 febbraio 2014 sarà dedicato alla valutazione degli effetti di prestiti free-interest sulla sopravvivenza delle imprese e sulla crescita. In cattedra la prof. ssa Elena Pirani dell’Università di Firenze.

Riprendono gli appuntamenti del ciclo di seminari di Economia Politica proposti dal Dipartimento di Economia “Marco Biagi” Unimore.

Il primo incontro, che si terrà martedì 25 febbraio 2014 alle ore 14.15 presso l’Aula Seminari del Dipartimento di Economia “Marco Biagi” Unimore (ala ovest- viale Berengario 51) a Modena, vedrà la prof.ssa Elena Pirani dell’Università degli Studi di Firenze affrontare il tema “Evaluating the effects of free-interest loans on firm survival and growth. A longitudinal design” ovvero “Una valutazione degli effetti di prestiti free-interest sulla sopravvivenza delle imprese e sulla crescita. Uno studio con dati longitudinali”.

L’implementazione di politiche pubbliche di sovvenzione alle imprese – afferma la prof.ssa Elena Pirani dell’Università degli Studi di Firenze – è una pratica diffusa in tutto il mondo, tuttavia la valutazione di questi programmi ha una storia molto più breve. In questo studio ci concentriamo su una serie di programmi di prestiti agevolati (finanziamenti a tasso zero) alle piccole e medie imprese (PMI), attuati in Toscana nel periodo 2002-2008. Nel complesso del periodo, quasi 900 imprese hanno avuto accesso al finanziamento, e una quota non trascurabile di beneficiari (circa il 25%) ha partecipato più volte ai programmi, per un totale di circa 1.000 interventi. Il nostro obiettivo è la valutazione degli effetti di tali programmi in termini di sopravvivenza e di crescita dell’impresa, tenendo in considerazione la storia di finanziamento delle imprese. La partecipazione ripetuta nel tempo impone l’adozione di un disegno longitudinale, al fine di controllare per i fattori confondenti dinamici, ossia per quelle variabili che sono influenzate da trattamenti precedenti e che, a loro volta, sono suscettibili di influenzare la futura assegnazione del trattamento. Partendo dall’assunzione di non confondimento sequenziale, implementiamo un modello strutturale marginale, i cui parametri possono essere stimati utilizzando lo stimatore IPTW. I risultati mostrano che la partecipazione ai programmi di finanziamento a tasso zero ha prodotto alcuni effetti positivi sulla crescita delle PMI; questi effetti, tuttavia, persistono solo per un periodo limitato. Inoltre, la disponibilità di prestiti ha ridotto il rischio di uscita dal mercato per i beneficiari”.

Tutti gli appuntamenti Unimore, che si tengono a cadenza settimanale, saranno in lingua inglese.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy