• Google+
  • Commenta
25 febbraio 2014

Università di Modena e Reggio Emilia: ricerche sulla nanomedicina

Assunzioni docenti e ricercatori Unimore

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – Ricercatori dell’Università di Modena e Reggio Emilia pubblicano su  Journal of Controlled Release

Ricerca Università di Modena e Reggio Emilia

Ricerca Università di Modena e Reggio Emilia

Ricerche multidisciplinari sulla nanomedicina aprono nuovi orizzonti per la cura di patologie del Sistema Nervoso Centrale quali l’Alzheimer ed il Parkinson. Gli studi condotti da ricercatori e centri dell’Università di Modena e Reggio Emilia in collaborazione con l’Università di Ulm (Germania) hanno trovato spazio sulla prestigiosa rivista internazionale Journal of Controlled Release.

Gli studi sulla applicazione della nanomedicina alle patologie del sistema nervoso centrale di due ricercatori dell’Università di Modena e Reggio Emilia, la dott.ssa Antonietta Vilella, dottoranda in Neuroscienze, ed il dott. Giovanni Tosi, ricercatore in Tecnologia Farmaceutica, hanno suscitato l’interesse scientifico e l’approvazione alla pubblicazione da parte di una delle più prestigiose riviste di settore farmaceutico: il Journal of Controlled Release.

I due ricercatori dell’Università di Modena e Reggio Emilia sono i primi firmatari di ben due articoli ospitati sulle pagine della rivista.

La ricerca dell’Università di Modena e Reggio Emilia, multidisciplinare e di interfaccia tra nanotecnologie farmaceutiche e neuroscienze, è il risultato di una proficua collaborazione instauratasi tra il Centro TeFarTI del Dipartimento di Scienze della Vita, diretto dalla prof.ssa Maria Angela Vandelli, il gruppo di ricerca del prof. Michele Zoli del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze, entrambi appartenenti all’Ateneo emiliano, e gruppi di ricerca internazionali dell’Università di Ulm (Germania).

I risultati ottenuti all’Università di Modena e Reggio Emilia hanno confermato la capacità di nanoparticelle polimeriche biodegradabili e biocompatibili nel superare la barriera emato-encefalica in maniera efficiente e rivelato i bersagli molecolari e cellulari specifici di queste nanoparticelle all’interno delle strutture cerebrali.

Veicolare efficacemente farmaci a cellule cerebrali a fini terapeutici – affermano gli autori la dott.ssa ssa Antonietta Vilella ed il dott. Giovanni Tosi dell’Università di Modena e Reggio Emilia –  è un’impresa particolarmente ardua data la barriera biologica da cui è protetto il cervello e la grande eterogeneità cellulare da cui è composto. Questa ricerca dimostra che le differenti popolazioni cellulari cerebrali captano in maniera differente le nanoparticelle e possono quindi essere bersaglio preferenziale dei farmaci che ne siano veicolati. Si è inoltre osservato che questa caratteristica è legata a specifiche proprietà neurochimiche delle cellule bersaglio, in particolare all’espressione della proteina rab5, marker degli endosomi precoci, e della proteina M-SEC, marker dei tunneling nanotube, ponti intercellulari attraverso i quali le nanoparticelle possono spostarsi da cellula a cellula”.

Queste nuove conoscenze aprono importanti prospettive nell’utilizzo di questi nanosistemi altamente ingegnerizzati per il rilascio di farmaci in patologie neurodegenerative come la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson per le quali ad oggi non esiste una terapia risolutiva.

L’identificazione  dei bersagli cellulari delle nanoparticelle e la comprensione dei meccanismi molecolari che permettono l’entrata delle nanoparticelle nelle cellule ed il loro trasferimento in cellule vicine  – affermano i responsabili del progetto il prof. Michele Zoli e la prof.ssa Maria Angela Vandelli dell’Università di Modena e Reggio Emilia – forniscono le basi biologiche per la veicolazione di farmaci neuroattivi a specifiche popolazioni di cellule cerebrali. Questo fatto è importante in quanto apre promettenti prospettive per la terapia delle principali malattie neurodegenerative quali la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy