• Google+
  • Commenta
3 febbraio 2014

Università di Palermo: inserimento lavorativo dei laureati siciliani

Università di PALERMO – Accordo tra le quattro Università dell’Isola tra cui l’Università di Palermo per l’inserimento lavorativo dei laureati siciliani

Università di Palermo

Università di Palermo

Bloccare l’esodo dei giovani verso il Nord e all’estero.

E’ lo scopo di un accordo tra le quattro Università siciliane per favorire l’inserimento lavorativo dei laureati della regione che è stato siglato allo Steri, al termine di un incontro tra delegati al Placement e all’Orientamento degli Atenei al quale hanno partecipato l’assessore regionale alla Famiglia e al Lavoro, Ester Bonafede, e il rettore dell’Università di Palermo, Roberto Lagalla.

“La nostra, dopo la Campania, è la seconda regione italiana che riesce a costituire una rete del Placement, una realtà necessaria a coordinare interventi per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro dei laureati in un momento di crisi occupazionale ancora più sentita nel Meridione”, dice la delegata al Placement dell’Università di Palermo, Ornella Giambalvo.

Il rettore dell’Università di Palermo Lagalla ha parlato di una “spaventosa migrazione intellettuale, di un fenomeno emorragico di cui nessuno si interessa. Ogni anno regaliamo tra 10 mila e 35 mila giovani siciliani, già formati, ai sistemi occupazionali nazionali e internazionali, un incredibile silenzioso impoverimento”. Le Università chiedono di essere ascoltate nella definizione di percorsi coerenti. “Sappiamo – aggiunge Lagalla dell’Università di Palermo – che la formazione professionale costa 200 milioni di euro all’anno, e sappiamo anche che  non produce alcun risultato sul piano dell’inserimento al lavoro. Attendiamo invece di conoscere i programmi del governo regionale in merito al Piano Giovani”.

Nunzio Crimi, presidente del Centro di Orientamento e Formazione dell’Università di Catania, chiede “un confronto costante coi governi regionale e nazionale” e lancia l’allarme sulle borse di studio per gli specializzandi nel settore medico, “destinate a essere significativamente ridotte”. Appello cui si unisce Dario Caroniti, presidente del Centro di Orientamento e Placement dell’Università di Messina: “Il 50 per cento dei nostri studenti proviene dalla Calabria, per noi è cruciale un confronto interregionale”. L’assessore regionale Ester Bonafede ha assicurato prossime iniziative nel segno del coinvolgimento delle Università siciliane.

I quattro Atenei  – Università di Palermo, Catania, Messina ed Enna – intanto hanno deciso di marciare all’unisono. Nell’accordo si impegnano a costruire una rete tra i professionisti del Placement favorendo la loro formazione, l’aggiornamento professionale e lo scambio di esperienze e di buone pratiche; intendono mappare abilità e competenze per assicurare alta qualità nel servizio offerto negli Atenei; vogliono ricercare e individuare finanziamenti europei per sviluppare progetti comuni per fare crescere il ventaglio di servizi offerti; accrescere la presenza degli imprenditori nelle attività delle università ideando, sperimentando e promuovendo innovativi progetti innovativi di mobilità con il coinvolgimento degli imprenditori; intendono sintonizzarsi con il mondo dell’impresa, definendo abilità e competenze necessarie agli studenti per sviluppare un approccio orientato all’impresa all’interno delle università. E sono consapevoli della necessità di svolgere un’azione di rappresentanza nei confronti di istituzioni ed enti per cercare di divenire punto di riferimento operativo per leggi e regolamenti locali sul settore.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy