• Google+
  • Commenta
25 febbraio 2014

Università di Udine: valutazione della ricerca universitaria

Università di Udine – La valutazione della ricerca universitaria: come e perche’?

Un dibattito organizzato dal Nucleo di valutazione dell’Università di Udine darà risposte ai quesiti su un tema di grande attualità

Perché si valuta la ricerca? E qual è l’effettivo impatto di questa valutazione sulla politica universitaria? E ancora: qual è il ruolo dell’Agenzia nazionale per la valutazione della ricerca (Anvur) e quali sono stati gli effetti del progetto nazionale di Valutazione della qualità della ricerca (Vqr)? A queste e ad altre domande si proverà a dare una risposta durante l’incontro dell’Università di Udine, rivolto in particolare a tutta la comunità universitaria, “La valutazione della ricerca universitaria: come e perché?”, che si svolgerà giovedì 27 febbraio nella sala Gusmani di Palazzo Antonini, in via Petracco 8 a Udine, dalle 14.30 e alle 17.30.

I lavori all’Università di Udine, moderati da Angelo Montanari, coordinatore del Nucleo di valutazione d’ateneo, saranno aperti dai saluti del rettore, Alberto Felice De Toni, e del delegato del rettore per la Ricerca, Roberto Pinton. Si entrerà poi nel vivo dell’incontro con gli interventi di Adriano Fabris, ordinario di Filosofia morale del dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’università di Pisa e di Andrea Bonaccorsi, ordinario di Ingegneria economico-gestionale del dipartimento di Ingegneria dell’energia, dei sistemi, del territorio e delle costruzioni dell’università di Pisa e componente del consiglio direttivo dell’Anvur.

“La valutazione della ricerca universitaria, ma in verità ciò vale per tutti gli ambiti della vita pubblica che prevedono dei meccanismi di valutazione” – sottolinea Montanari – “è un argomento molto delicato, che suscita spesso reazioni di forte adesione o di rifiuto. Questo incontro vuole essere un’occasione per un confronto aperto e costruttivo fra tutti i membri della comunità universitaria, con la consapevolezza di essere arrivati ad un punto di non ritorno: la ricerca, ma anche la didattica e tutte le altre attività che caratterizzato la vita universitaria, è già, e sempre più sarà, sottoposta a processi di valutazione (e autovalutazione). Si tratta – conclude il coordinatore del Nucleo di valutazione – di non limitarsi a subire tali processi, ma di contribuire, per quanto possibile, alla loro definizione”.

Il programma dell’incontro prevede anche gli interventi di alcuni componenti del Nucleo di valutazione dell’Università di Udine, Emanuela Reale dell’Istituto di ricerca sull’impresa e lo sviluppo (Ceris Cnr) e Giovanni Abramo dell’Istituto di analisi dei sistemi ed informatica “Antonio Ruberti”, (Iasi Cnr) di Roma. Agli interventi dei relatori, seguirà uno spazio dedicato al confronto con il pubblico presente e all’approfondimento dei temi affrontati dai relatori. Ulteriori approfondimenti sull’incontro all’indirizzo Università di Udine


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy