• Google+
  • Commenta
1 marzo 2014

Commissari Esterni Maturità 2014: requisiti commissari esterni, domanda e compensi

Commissari Esterni

È stato reso noto quali sono i docenti che devono tassativamente consegnare la domanda per diventare Commissari Esterni Maturità e quelli che invece non sono obbligati a presentare domanda. Ecco chi sono i commissari

Commisssari Esterni Maturità

Commisssari Esterni Maturità

I ritardi per le nomine dei commissari esterni maturità e l’ufficializzazione delle materie ha reso l’aria nelle aule ancora più tersa che negli anni passati. 

Gli studenti quest’anno sono decisi ad abbandonare superstizione e hackeraggi. C’è bisogno di un metodo oggettivo e reale, non è ammesso fallire.

Per questo la nostra redazione vi aiuta a conoscere i commissari esterni maturità 2014. 

Conosciamo i nostri avversari: Chi sono i commissari esterni maturità?

  • 1) I presidi degli Istituti Superiori devono fare domanda come commissari;
  • 2) I docenti a tempo determinato e i docenti a tempo indeterminato che sono in servizio devono presentare domanda come commissari esterni maturità ( a meno che non siano già commissari interni);
  • 3) Sono, comunque, obbligati alla presentazione della scheda i docenti con almeno dieci anni di ruolo, in servizio presso istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado, se non designati commissari interni.

Tra i docenti appartenenti alle categorie di cui sopra non sono compresi coloro che prestano servizio con rapporto di lavoro a tempo parziale e i docenti di sostegno.

Ma chi sono i commissari esterni maturità? E chi sono i presidenti di commissione alla maturità? 

Commissari Esterni

Commissari Esterni

Categorie che posso fare domanda da Commissari Esterni:

  •  I docenti con rapporto di lavoro a tempo parziale hanno, tuttavia, la facoltà di presentare la scheda di partecipazione alla commissione d’esame in qualità di presidenti e/o commissario esterno e possono essere designati commissari interni. I docenti di sostegno possono essere designati commissari interni e hanno facoltà di presentare domanda per la nomina a presidente e commissario esterno (vedi punto 1- C), lettera a) criteri generali e punto 2.2).
  • I docenti che usufruiscono di semidistacco sindacale o semiaspettativa sindacale hanno la facoltà e non l’obbligo di partecipare all’esame quali presidenti, commissari esterni i interni.

Si richiama l’attenzione sul fatto che il personale della scuola, appartenente alle tipologie aventi titolo alla nomina a commissario, può contestualmente chiedere anche la nomina a presidente di commissione, purché in possesso dei requisiti richiesti.

I requisiti per fare domanda per i commissari esterni maturità:

  • docenti di ruolo, in servizio in istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado, con rapporto di lavoro a tempo parziale, compresi i docenti tecnico pratici e gli insegnanti di arte applicata;
  • docenti di sostegno, in possesso di abilitazione,
  • docenti in situazione di handicap o che usufruiscono delle agevolazioni di cui all’art. 33 della legge n. 104, del 5 febbraio 1992 e successive modificazioni;
  • docenti, già di ruolo in istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado, collocati a riposo da non più di tre anni (incluso l’anno in corso);
  • docenti di ruolo nella scuola secondaria di primo grado, utilizzati per l’intero anno scolastico su scuola secondaria di secondo grado, in possesso della specifica abilitazione all’insegnamento (“assimilati” allo stato giuridico “H”);
  • docenti che, negli ultimi tre anni incluso l’anno in corso, con rapporto di lavoro a tempo determinato sino al termine dell’anno scolastico o sino al termine delle attività didattiche, abbiano prestato effettivo servizio almeno per un anno in istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado e siano in possesso di abilitazione o idoneità all’insegnamento alle materie comprese nelle classi di concorso afferenti ai programmi di insegnamento dell’ultimo anno dei corsi della scuola secondaria di secondo grado.

Le domande da commissari esterni maturità deve essere accompagnata da autocertificazione della propria situazione lavorativa con la scheda modello ES-1 all’Ufficio Scolastico Provinciale.

Commissari Esterni

Commissari Esterni

Categorie che possono fare domanda come Presidente di Commissione Esterna di Maturità: 

  •  dirigenti scolastici in servizio preposti ad istituti statali di istruzione primaria e secondaria di primo grado, provvisti di abilitazione all’insegnamento negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado;
  • prof. universitari di 1° e 2° fascia anche fuori ruolo;
  • ricercatori universitari confermati;
  • direttori di istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica (istituzioni A.F.A.M.);
  • docenti di ruolo degli istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica (istituzioni A.F.A.M.);
  • docenti in servizio in istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado, con rapporto di lavoro a tempo parziale;
  • dirigenti di istituti di istruzione secondaria di secondo grado statali, collocati a riposo da non più di tre anni (incluso l’anno in corso);
  • dirigenti scolastici e i docenti in situazione di handicap o che usufruiscono delle agevolazioni di cui all’art. 33 della legge n. 104, del 5 febbraio 1992 e successive modificazioni
  • docenti, di ruolo in istituti di istruzione secondaria di 2° grado statali, collocati a riposo da non più di 3 anni.

Come si fa domanda da presidente dei commissari esterni maturità?

Le domande di partecipazione, modelli ES-1, presentate dai dirigenti scolastici e dai docenti, aspiranti alla nomina nelle commissioni degli esami di Stato, sono trasmesse, esclusivamente, attraverso apposite Istanze On Line POLIS; una riservata agli aspiranti della Provincia Autonoma di Trento ed un’altra per il personale delle altre province d’Italia. Pertanto, il personale scolastico non dovrà più trasmettere il modello in modalità cartacea.

Resta invariata la modalità di trasmissione dei modelli ES-2, presentati dagli aspiranti provenienti dal mondo universitario e dalle istituzioni AFAM.

Commissari Esterni

Commissari Esterni

La tempistica e le modalità per fare i commissari esterni:

  • 20/2/2014:  Termine per la designazione dei commissari interni da parte dei consigli di classe e delle proposte di configurazione da parte dei Dirigenti Scolastici;
  • 20/2/2014 – 12/3/2014 (ore 14,00):  Termini per la trasmissione, tramite istanza POLIS, delle schede di partecipazione (Modello ES-1);
  • 26/2/2014: Termine per il recapito, dai dirigenti scolastici agli Uff. Scolastici Regionali, delle proposte di formazione delle commissioni, comprensive dell’indicazione riguardante la componente interna (Modello ES-0);
  • 18/3/2014: Termine ultimo per il recapito delle schede Modello ES-2 dai Rettori delle università e dai Direttori delle istituzioni A.F.A.M. agli Uffici Scolastici Regionali competenti ;
  • 28/3/2014: Termine ultimo per il recapito, dai Dirigenti scolastici agli Uffici Scolastici regionali, dell’elenco alfabetico riepilogativo degli aspiranti che hanno presentato il modello ES-1, dell’elenco degli esonerati e dei docenti che abbiano omesso di presentare la scheda (con indicazione dei motivi)
  • 13/3/2014 – 31/3/2014: Verifica e convalida delle schede di partecipazione (Modelli ES-1) da parte degli Istituti Scolastici e degli Uffici Provinciali .

Tempistica degli  Uffici Scolastici Regionali rispetto alla domanda dei commissari esterni di maturità:

  • 21/2/2014 – 31/3/2014 Gestione delle proposte per la configurazione delle Commissioni da parte degli Uffici Scolastici Regionali ;
  • 21/2/2014 – 31/3/2014  Gestione delle schede di partecipazione (Modelli ES-2) da parte degli Uffici Scolastici Regionali competenti .

Variazioni nel compenso ai commissari esterni e dei presidenti di commissione:

  • Ai presidenti, che operano in sedi d’esame con un massimo di due classi terminali, compete il compenso forfettario riferito alla funzione di cui al Quadro 1 . Per le sedi d’esame con più di due classi terminali, il predetto compenso è incrementato del 7,50% per ogni classe successiva alla seconda.
  • Ai commissari, che svolgono la funzione su più commissioni, compete, per ogni ulteriore commissione, il compenso forfettario riferito alla funzione attribuito ai medesimi per la prima commissione e, comunque, entro il limite massimo di due compensi aggiuntivi.
  • Ai commissari impegnati in classi articolate (classi bilingue o trilingue, classi composte da squadre maschili e femminili per l’insegnamento di educazione fisica, classi articolate su più indirizzi di studio) il compenso forfettario riferito alla funzione va calcolato come segue:
  • il compenso di euro 393 deve essere, innanzitutto, incrementato del 50 per cento (euro 393 + euro196,50= euro 589,50);
  • l’importo così determinato va, poi, suddiviso per il numero dei candidati ricompresi nella classe articolata, al fine di determinare la quota compenso/alunno;
  • il quoziente, così ottenuto, va moltiplicato per il numero dei candidati esaminati da ciascun commissario. Nel caso in cui gli importi dei singoli compensi, determinati secondo le suddette indicazioni, risultino inferiori a euro 196,50 o superiori a euro 393, gli stessi vanno corrisposti nel rispetto dei limiti stessi.
Commissari Esterni

Commissari Esterni

Personale docente con rapporto di lavoro Part Time- I docenti con contratto part-time sono tenuti, se nominati, a prestare servizio secondo l’orario previsto per il rapporto di lavoro a tempo pieno e agli stessi vengono corrisposti, per il periodo di effettiva partecipazione, la stessa retribuzione e lo stesso trattamento economico che percepirebbero senza la riduzione dell’attività lavorativa (art. 12 – O.M. 22.7.1997, n. 446)

Retribuzione personale docente Part Time – Esclusivamente al sotto indicato personale docente con contratto individuale di lavoro a tempo determinato , spetta anche la retribuzione principale, correlata al numero di ore di insegnamento risultanti dal contratto, fino al giorno conclusivo della rispettiva sessione d’esame:

  • 1) docente assunto con contratto di lavoro a tempo determinato stipulato dal C.S. A. fino al termine delle attività didattiche;
  • 2) docente con rapporto di lavoro a tempo determinato stipulato dal Dirigente Scolasticofino al termine delle attività didattiche per la copertura di un numero di ore non superiore a sei settimanali.

La retribuzione a questa tipologia di commissari esterni maturità è limitata al periodo di durata delle operazioni di esame di Stato, viene corrisposta dalle competenti DD.PP.TT. a conclusione delle operazioni d’esame sulla base di specifico contratto di nomina o della proroga del contratto in corso (per un numero di ore pari a quelle risultanti dal contratto in corso), corredato della dichiarazione del presidente di commissione riguardante l’effettiva partecipazione alle operazioni d’esame e la relativa durata.. (C. M. – Tesoro n. 763 del 27/5/97)

Per i docenti con rapporto di lavoro a tempo determinato di durata temporanea fino al termine delle lezioni, i relativi contratti da commissari esterni, saranno stipulati fino al giorno conclusivo della rispettiva sessione di esami e per un numero di ore pari a quelle risultanti dall’ultimo contratto. Ciò dà diritto alla corresponsione della retribuzione tabellare iniziale prevista per il corrispondente personale docente, dell’indennità integrativa speciale e dell’eventuale assegno per il nucleo familiare.

Personale esperto, negli Istituti professionali e d’arte – Per i membri delle commissioni d’esame di licenza negli Istituti d’arte statali e qualifica professionale nominati come esperti, che non abbiano rapporto di impiego alle dipendenze dello Stato o delle Pubbliche amministrazioni, spetta – per ogni giornata di effettiva partecipazione agli esami – un compenso pari a 1/30 dello stipendio tabellare iniziale, dell’indennità integrativa speciale, e dell’eventuale assegno per il nucleo familiare spettante ai professori con rapporto di lavoro a tempo indeterminato delle materie per le quali gli esperti sono chiamati nelle commissioni d’esame.

Estranei all’Amministrazione dello Stato ivi compresi i pensionati e supplenti brevi e saltuari (non nominati fino alla fine delle lezioni). – Al personale estraneo all’Amministrazione dello Stato o alle Pubbliche Amministrazioni (ivi compresi i pensionati e i supplenti brevi e saltuari non nominati fino alla fine delle lezioni) nominato nelle commissioni esami di Stato conclusivi della scuola secondaria superiore, devono essere corrisposti esclusivamente i compensi previsti per l’espletamento del predetto incarico, con esclusione quindi di qualsiasi altro tipo di retribuzione.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy