• Google+
  • Commenta
22 marzo 2014

Fashion Blogger: 10 consigli per come diventare Fashion Blogger

Sabrina Tassini
Fashion blogger: 10 consigli per diventare Fashion Blogger di successo per Sabrina Tassini, blogger di Patchwork à Porter.
Sabrina Tassini Fashion Blogger

Sabrina Tassini Fashion Blogger

È più di moda essere fashion blogger o chi è di moda ha più “potenziale” per diventare un fashion blogger?Viene prima la sensibilità per tutto ciò che è definibile “fashion” o la capacità di fare blogging?

La fashion blogger deve essere in prima linea nella guerra aperta del “fashion victim” o al contrario deve essere in grado di fornire le “armi giuste” di difesa?

Ma, e soprattutto, come si diventa fashion blogger? Quali “carte” opportune bisogna avere in mano per giocare la partita dei “consiglieri” di moda e di stile?

A svelarci tutti i segreti di questa professione ambitissima da tante, Sabrina Tassini, fashion blogger made in  Italy che, con il suo Patchwork à Porter Fashion Blog, a pieno titolo e meriti, si colloca nella top ten delle fashion blogger con più follower in Italia.

Com’è nata la tua passione per il fashion blogging? 

“Devo confessare che è nata da una fortunata intuizione quando ancora i blog non erano così numerosi come ora. E’ stata una strada intrapresa con curiosità e molti dubbi, inizialmente forse con leggerezza e per unire le mie due più grandi passioni, moda e scrittura, e portata poi avanti con dedizione e entusiasmo”.

Ricordo – continua Sabrina –  però che “bloggare” è sempre stato un mio hobby ancora prima di aprire uno spazio dedicato al fashion. Trovo affascinante il web, stimolante l’interazione che si crea tra blogger e utente, e gratificante alcune specifiche collaborazioni con brand e magazine che ho potuto e tuttora posso coltivare”.

Sabrina Tassini

Sabrina Tassini

Cosa è più importante per una fashion blogger: saper scrivere, avere buon gusto nel proporre i giusti outfit, essere  informati sulle tendenze, o cos’altro? 

“Versatilità e multitasking sono la soluzione (ormai a tutto)! Avere buon gusto è requisito essenziale, diversificare gli outfit a seconda dell’occasione d’uso è altrettanto importante, ma non è assolutamente permesso trascurare il testo, e non essere informati sulle nuove tendenze. Il blogger di moda è sì un consumatore prima di tutto, ma deve saper offrire con cognizione anche contenuti utili ai lettori, parlando di nuovi trend e news. Mai mollare la presa!”

Cos’è più importante per un blog di moda: il giusto contenuto testuale o della fotografia di alto livello?

“Entrambe le parti sono essenziali solo se accorpate accuratamente. Nei post outfit è decisamente predominante l’immagine, perciò è fondamentale curare la qualità fotografica, mentre nei post review, ovvero le recensioni di eventi, collezioni e sfilate, prevale il testo. In ogni caso, sia l’uno che l’altro devono a mio parere essere totalmente complementari”.

Che importanza hanno i social network nel lavoro di una fashion blogger?

“I social network sono il principale strumento a supporto dei blog: condividere i contenuti, che siano nuovi o meno recenti, è indispensabile per coinvolgere i lettori e creare una rete di followers. Naturalmente per far sì che ci sia un risultato è consigliabile aggiornare costantemente i profili social”.

Qual è a tuo parere il social che meglio può “divulgare” contenuti di moda e può contribuire all’aumento delle visite di un blog di moda?

“Personalmente preferisco utilizzare instagram e twitter, la genialità di hashtag e tag aiuta la diffusione dei contenuti, soprattutto durante fashion week ed eventi. Li trovo più immediati di facebook e leggermente meno soggetti a marketing”.

Sabrina Tassini

Sabrina Tassini

Quali sono gli errori più comuni che può commettere un fashion blogger alle prime armi?

“Un errore che si può commettere alle prime armi come dopo anni è indubbiamente non selezionare i contenuti pubblicitari. Ritengo importante, cachè offerto a parte, mantenere una coerenza anche sotto questo punto di vista, scremando le proposte di collaborazione, accettando quindi quelle che davvero rispecchiano il proprio gusto, la propria attività di blogging e declinando quelle di brand o agenzie che non ci caratterizzano. Ho riscontrato con il tempo infatti che i lettori sono attenti anche a questi dettagli. Un altro errore comune è quello di prediligere la quantità dei post a scapito della qualità: curare un blog non significa necessariamente aggiornare quotidianamente, ma assiduamente con impegno”.

Fashion Blogger: 10 consigli per come diventare Fashion Blogger e le tre regole fondamentali per essere un fashion blogger di successo…

“Sarò onesta, il successo di un fashion blog si misura con molti parametri diversi, come in tutti gli ambiti della vita, non possiamo negare anche che un pizzico di fortuna e opportunità aiutano parecchio. Alimentare l’interazione con il lettore, rispondere e mantenere credibilità e creatività. Last but not least, rimanere fedeli alla propria personalità e stile per definire un target di potenziali lettori e stabilire così una linea editoriale”.

Sabrina Tassini

Sabrina Tassini

Quanto è importante l’immagine per una fashion blogger? L’abito fa… il monaco?

Eccome! Sfatiamo il mito che non sia così. Non parlo necessariamente di bellezza, anzi, si tratta di stile e estro. Tendenzialmente ho notato che la particolarità nella scelta degli abiti premia. Questo vale, se non si bara! Ovvero senza esasperare gli outfit sino a proporre look eccentrici solo per il gusto di impressionare, consuetudine nota soprattutto in contesto fashion week. gli streetstyler internazionali potrebbero confermare! Personalmente sono per il less is more, dosato, calibrato, e ricordiamoci che la nostra peculiarità sta anche nell’avere quei piccoli difetti che ci rendono unici”.

Ritieni ci sia bisogno di uno specifico background accademico e/o percorso di studi per diventare fashion blogger?

“Ritengo che come in tutti i settori e lavori, ci voglia passione, curiosità, intraprendenza, ma soprattutto esperienza sul campo. Sono laureata in Comunicazione e Marketing, non in moda, eppure la pratica è quella che mi ha aiutato maggiormente.”

“Il background” –  dice Sabrina – “va creato e costruito non solo con libri e nozioni, ma con gli occhi, la mente e la propria determinazione. Inutile dire che fantasia e talento, elemento chiave in questo settore, non possono essere insegnati durante un percorso scolastico”.

Perché consiglieresti di diventare fashion blogger?

“Detto fuori dai denti, consiglierei di aprire un blog solamente a chi davvero è intenzionato a prendersene cura, ho visto molte pagine web nascere ma non crescere, probabilmente create ad hoc per ottenere vantaggi, che però ahimè si sono ridotti notevolmente negli ultimi periodi, dato il numero in continuo aumento di blog di moda. Farlo per passione è l’unico motivo concreto che spinge un fashion addict a tener in vita un fashion blog nella giusta maniera. Impegno e costanza sono parole chiavi imprescindibili anche nella vita digitale, e anche in un ambito che può apparentemente sembrare frivolo come la moda, d’altronde non è tutto oro ciò che luccica… nel fashion!”

Pasqualina Scalea


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy