• Google+
  • Commenta
20 marzo 2014

L’Università di Camerino nelle giornate FAI ad Ascoli Piceno

Università di Camerino – Anche Unicam coinvolta nelle giornate FAI ad Ascoli Piceno. Protagonisti gli studenti del Corso di laurea in “Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione ed il Restauro” dell’Università di Camerino

Università di Camerino

Università di Camerino

Anche l’Università di Camerino partecipa con entusiasmo alle iniziative in programma per le Giornate FAI del 22 e 23 marzo ad Ascoli Piceno.

Ad essere coinvolti saranno gli studenti del corso di laurea in Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione ed il Restauro dell’Università di Camerino, assistiti da due laureati che ora collaborano come laureati frequentatori, Giuseppe Di Girolami e Paolo Cinaglia, che si trasformeranno in “ciceroni” e presenteranno ai visitatori i risultati diagnostici effettuati nella chiesa di San Giacomo Apostolo, ottenuti con analisi coordinate dalla dott.ssa Graziella Roselli e dal dott. Marco Minicucci.

“In occasione dell’edizione 2014 delle Giornate del FAI – ha dichiarato la dott.ssa Roselli –  abbiamo eseguito due diverse tipologie di analisi non invasive sui dipinti murali della chiesa di San Giacomo Apostolo: la fluorescenza a raggi X (XRF), che consente di individuare gli elementi chimici costitutivi di un campione, e indagini riflettografiche all’infrarosso, che hanno lo scopo di guardare attraverso la pellicola pittorica, per evidenziare i tracciati scuri presenti sotto la pellicola, ossia i disegni preliminari eseguiti dal pittore sul supporto prima della stesura del colore, nonché la presenza di pentimenti e correzioni realizzati in corso d’opera”.

Tutte le analisi sono state effettuate utilizzando le apparecchiature a disposizione presso il Laboratorio di Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione ed il Restauro dell’Università di Camerino presso la sede di Ascoli Piceno.

I dati ottenuti risultano essenziali per effettuare studi comparati sui materiali indagati e fornire così risultati importanti per un’analisi critica delle tecniche artistiche utilizzate, delle varie attribuzioni, delle reciproche influenze storico artistiche delle diverse scuole pittoriche, oltre che dei commerci e quindi dei contatti culturali che si intrecciarono nei vari periodi storici, senza considerare poi il contributo che tali dati forniscono agli studi di degrado dei materiali e di soluzioni conservative applicabili alle opere d’arte.

“Le analisi realizzate in occasione delle Giornate del FAI – ha spiegato la dott.ssa Roselli – sono solo un esempio delle numerose attività che Unicam mette in campo e svolge a favore del territorio nel settore dei beni culturali. Testimoniano anche l’importanza della stretta sinergia tra il mondo storico artistico che tutela, studia e valorizza il nostro patrimonio culturale e quello scientifico che è ormai in grado di fornire preziosi dati oggettivi grazie a strumenti analitici straordinariamente potenti e precisi, dati indispensabili per ottenere risultati assolutamente insperati e rendere visibile ciò che non è mai stato visibile a nessuno fino ad oggi. Vi aspettiamo dunque ad Ascoli Piceno nella chiesa di San Giacomo Apostolo i prossimi 22 e 23 marzo!”


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy