• Google+
  • Commenta
3 marzo 2014

Mostra Unime di antiche ceramiche, collezione Cesare e Doris Zipelli

Università degli Studi di Messina – Inaugurazione mostra Unime antiche ceramiche della collezione “Cesare e Doris Zipelli”

Il ricco patrimonio mussale dell’Unime diviene finalmente in parte visibile.

Sarà infatti inaugurata martedì 11 marzo, alle ore 18, presso l’Antiquarium dell’Unime, la mostra delle antiche ceramiche della collezione “Cesare e Doris Zipelli”, che nel 2008 il Prof. Cesare Zipelli, docente della Facoltà di Scienze fino al 1989, decise di donare alla sua Università, in maniera da integrare la raccolta già da lui ceduta all’Unime nel 1989.

Si tratta di una preziosa raccolta di maioliche italiane e spagnole, tra le quali è presente un’ampia rappresentanza delle fabbriche caltagironesi, composta da circa 170 pezzi.

Su impulso della nuova amministrazione una significativa selezione di questa raccolta verrà ora esposta al pubblico, nel suggestivo spazio dei locali ricavati sotto la scalinata dell’Unime, dove sarà anche possibile ammirare i resti dell’isolato del XVII secolo, contiguo ad est al Collegio dei Gesuiti, sede del primo Studium messinese, e prototipo dell’Ordine realizzato su progetto (1615) del P. Natale Masucci.

A curare e portare a compimento il progetto il prof. Giacomo Pace Gravina, delegato del Rettore dell’Unime alla Gestione del Patrimonio artistico e Culturale dell’Ateneo: “La mostra – afferma il prof. Pace Gravina – rappresenterà un’occasione di arricchimento per gli appassionati di arte ceramica, per gli specialisti che avranno a disposizione per le proprie ricerche una collezione ricca ed originale; nonché per il territorio siciliano, creando intersezioni con gli altri centri che ospitano raccolte di maioliche. Questo evento rappresenta il primo passo verso la possibilità della fruizione del patrimonio artistico dell’Università di Messina, oltre a ricordare la figura e la generosità di un grande scienziato e collezionista come il Prof. Cesare Zipelli”.

“L’allestimento della mostra dell’Unime – spiega Giusy Larinà, storica dell’arte e curatrice della mostra insieme al prof. Pace Gravina – oltre a seguire criteri scientifici di esposizione relativi alla decorazione della ceramica siciliana, in particolare quella di Caltagirone a partire dal Cinquecento fino all’Ottocento, mette in evidenza anche lo spirito del collezionista che ha raccolto nel tempo manufatti ceramici importanti legati anche ad altre tradizioni quali quella spagnola e dell’Italia meridionale”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy