• Google+
  • Commenta
12 marzo 2014

Oltre il femminicidio: all’Unisa sulla violenza alle donne

Università degli Studi di Salerno – Oltre il “femminicidio”: incontro di studio all’Unisa sulla violenza alle donne

Femminicidio - Unisa

Femminicidio – Unisa

«Oltre il “femminicidio”: incontro di studio sulla violenza alle donne», è questo il tema del dibattito  che si terrà il prossimo 14 marzo, dalle ore 15, nell’Aula Dalia del Campus dell’Unisa.

L’incontro dell’Unisa rientra nelle iniziative organizzate dal  Corso di perfezionamento in Scienze criminologiche, penalistiche e processualpenalistiche “Prof. Dalia” che, diretto dal Prof. Luigi Kalb, è giunto alla IV edizione.

I dati sul femminicidio sono preoccupanti e in continua escalation (dagli  84 casi fatti registrare nel 2005 siamo passati a 124 nel 2012 e a 128 nel 2013) tanto da indurre il governo a varare un Decreto Legge nell’agosto scorso.

L’autore di questi delitti è nel 48% dei casi il marito, nel 12% il convivente, nel 23% l’ex; si tratta poi di un uomo tra i 35 e i 54 anni nel 61% dei casi, di un impiegato nel 21%, e di una persona istruita (il 46% ha la licenza media superiore e il 19% la laurea). Proprio questa familiarità con l’uomo nero spinge molte donne al silenzio.  Due violenze: quella fisica, prima, e quella psicologica, dopo. La violenza  subita dalle donne ogni anno, e il silenzio che ne segue,  ha  costi economici e sociali altissimi: quasi 17 miliardi di euro, l’equivalente di tre manovre finanziarie, il triplo della spesa pagata dal nostro paese ogni anno per incidenti stradali. Ferite psicologiche  che non si rimargineranno mai.

Numerosa e corposa la normativa  per prevenire questi fatti delittuosi.  E’ il caso di ricordare la “Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti delle donne”, adottata dall’Assemblea delle Nazioni unite nel 1979, la Quarta conferenza mondiale delle Nazioni unite sulle donne (Pechino, 1995)  e la Convenzione di Istanbul, approvata dal Consiglio del Ministri dei Paesi aderenti al Consiglio d’Europa (7 aprile 2011, ratificata dall’Italia il 19 giugno 2013).

Quest’ultimo rappresenta il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante per proteggere le donne contro qualsiasi forma di violenza ed è finalizzata a prevenire la violenza domestica, a proteggere le vittime, a perseguire i trasgressori, riaffermando che la violenza contro le donne costituisce una violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione.

Di tutto questo si parlerà nella giornata organizzata dal Corso di perfezionamento in Scienze criminologiche, penalistiche e processualpenalistiche dell’Unisa che potrà contare sulla partecipazione del Dott. Antonio De Iesu, Questore di Salerno; del Col. Riccardo Piermarini, Comandante provinciale dei Carabinieri di Salerno; del Prof. Antonello Crisci, Associato di Medicina legale nell’Unisa e del Prof. Elio Lo Monte, Associato di Diritto penale nell’Unisa.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy