• Google+
  • Commenta
27 marzo 2014

Pensioni Scuola: M5S protesta sulle pensioni quota 96

Protesta docenti per blocco scatti università

Scuola, m5s: maggioranza, prona al governo, gioca con parole su pelle insegnanti pensioni ‘quota 96’ 

Pensioni Scuola

Pensioni Scuola

“La maggioranza gioca con le parole sulla pelle dei 4mila insegnanti cosiddetti ‘quota 96’ che aspettano ancora di poter andare in pensione con i requisiti pre-Fornero”. Lo denunciano i deputati del MoVimento 5 Stelle.

“Siamo indignati – proseguono – per la riformulazione della risoluzione che, nelle commissioni Bilancio e Lavoro, avrebbe dovuto impegnare il governo a trovare al più presto le risorse, circa 400 milioni di euro in quattro anni, per risolvere la questione pensioni personale scolastico. Inizialmente il documento dava 20 giorni all’esecutivo, che aveva avuto da ridire sulle coperture della proposta di legge unificata Pd-M5S (Ghizzoni-Marzana), per individuare i fondi alternativi. Noi abbiamo aderito all’iniziativa nonostante avessimo esternato la volontà che si terminasse prima l’iter della proposta di legge, inchiodando governo e maggioranza alle loro responsabilità. Questo impegno vincolante, però, non è piaciuto a Palazzo Chigi e la maggioranza lo ha rimodulato”.

I deputati pentastellati sulla questione pensioni scuola attaccano: “È arrivata così l’amara sorpresa: la risoluzione non impone al governo di trovare le risorse ed inserirle nel Documento di economia e finanza, che a breve sarà presentato alle camere, ma lo impegna soltanto a ‘riferire alle commissioni, prima della presentazione del Def, in merito al reperimento delle risorse’. Si tratta della solita formulazione vaga e indefinita – continuano – che rischia di rimandare alle calende greche la soluzione a un’emergenza che invece necessita di una risposta immediata”.   

“Troviamo ridicolo che il governo, nella persona del Sottosegretario Legnini, non tenga in considerazione che la questione è sul tavolo dall’inizio della legislatura, chiedendo ancora del tempo per poterla analizzare. Ed è inaccettabile che il governo Renzi, che a parole si erge a paladino della scuola, debba ancora decidere se il pasticcio della Fornero sul personale della scuola meriti una soluzione, nonostante tutte le forze parlamentari abbiano manifestato chiaramente la volontà politica di porre rimedio a questo sopruso”.

Concludono i deputati M5S sulla questione pensioni quota 96: “La vicenda è quindi rinviata alla prossima settimana in commissione Bilancio, dove il MoVimento 5 stelle vigilerà affinché Palazzo Chigi riconosca il ruolo del Parlamento e ripristini il diritto alla pensione negato al personale scolastico”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy