• Google+
  • Commenta
5 marzo 2014

Università Bicocca: Centro di Ricerca sulla Culture di Genere

Università Bicocca – Culture di Genere, nasce il Centro di Ricerca Interuniversitario in collaborazione con l’Università Bicocca

Università Bicocca - Culture di Genere

Università Bicocca – Culture di Genere

Sei università milanesi creano il centro più grande d’Italia dedicato alle culture di genere.

Obiettivo, la realizzazione di studi e ricerche multidisciplinari, nazionali e internazionali, dedicati alle tematiche di genere, che sia un punto di riferimento nazionale oltre che per Milano e la Lombardia.

Per i  primi tre anni la sede sarà all’Università Bicocca,

L’Università Bicocca, l’Università degli Studi di Milano, il Politecnico di Milano, la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, l’Universita’ Vita-Salute San Raffaele e l’Università Luigi Bocconi hanno costituito il Centro di Ricerca Interuniversitario “Culture di Genere”. L’obiettivo del nuovo Centro è costruire un programma di studi e ricerche multidisciplinari, nazionali e internazionali, dedicati alle culture di genere.

Il Centro di Ricerca Interuniversitario in collaborazione con l’Università Bicocca è il polo di ricerca più grande in Italia dedicato allo studio di tematiche di genere, studi che in Italia hanno avuto solo recentemente un vero e proprio sviluppo. Avrà sede per i primi tre anni presso l’Università Bicocca, a seguire, a rotazione negli altri atenei.

Il Comitato Scientifico è formato da: Carmen Leccardi (direttrice scientifica del centro, docente di Sociologia della Cultura dell’Università Bicocca e fondatrice del centro ABCD dell’Università Bicocca), Marilisa D’Amico (docente di Diritto Costituzionale, Diritto costituzionale progredito e Giustizia costituzionale e coordinatrice scientifica del Corso di perfezionamento in Pari Opportunità e discriminazioni di genere, Università degli Studi di Milano), Valeria Bucchetti (docente di Disegno industriale per la comunicazione visiva, Scuola del Design/Politecnico di Milano),  Paola Dubini (direttrice del Corso di laurea in economia e management per arte, cultura e comunicazione e presidente del Comitato pari opportunità, Università Bocconi),  Maria Tilde  Bettetini (docente di Storia della Filosofia, IULM), Francesca De Vecchi (ricercatrice di Filosofia Teoretica, Università Vita – Salute San Raffaele).

Due le associazioni presenti nel progetto, Donne in quota e Amiche di Abcd, nate rispettivamente presso l’Università Statale e l’Università Bicocca in occasione dei corsi annuali “Donne politica e istituzioni” promossi dal Ministero delle Pari Opportunità. «Il Centro di Ricerca Interuniversitario –  spiega Carmen Leccardi, – nasce da un’esigenza di espandere la ricerca sulle diversità di genere nella vita quotidiana, accademica e istituzionale, disseminandone i risultati.

Fondamentale, inoltre, è la necessità di mettere in rete e intrecciare i diversi saperi. Il Centro intende diventare un polo di riferimento anzitutto per Milano e per la Lombardia, mettendo a disposizione, ad esempio, informazioni e riflessioni in tema di mercato del lavoro, carriere e rappresentazioni mediatiche dei generi». Una particolare attenzione verrà riservata, infine, allo studio degli stereotipi e dei pregiudizi contemporanei contro le donne, con l’organizzazione e la promozione di iniziative per combattere le discriminazioni, e con specifica attenzione al dramma del femminicidio.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy