• Google+
  • Commenta
28 aprile 2014

Cloud Cluster made in Unibz

Libera Università di Bolzano – Il futuro è nelle nuvole: la Technische Universität di Dresda fa ricerca grazie a “Bobo”, il Cloud-Cluster made in Unibz

Unibz

Unibz

La ricerca dell’Unibz
ottiene preziosi riconoscimenti anche all’estero. La scorsa settimana, la Technische Universität di Dresda – una delle più prestigiose università della Germania – ha organizzato un workshop dedicato al cloud-cluster “Bobo”, creato dai professori e studenti della facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche.

La collaborazione con la TU per una ricerca congiunta sulla piattaforma Bobo continuerà in autunno.

“Bobo” è il nome del cloud-cluster portatile sviluppato dagli studenti e dai docenti della facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche dell’Unibz. Per i non addetti ai lavori: un cluster è un insieme di tanti computer connessi tra di loro. Normalmente un cloud-cluster ha dei costi molto elevati. Bobo invece è low cost, ha bassi costi di manutenzione e un basso consumo di energia, e può essere utilizzato per fini didattici, di ricerca o commerciali. Grazie a queste pratiche considerazioni, Bobo si è fatto conoscere anche all’estero e ora stanno fioccando richieste da parte di ricercatori e docenti che desiderano disporre di Bobo per portare avanti progetti di ricerca e di protezione dei dati.

Presentato ufficialmente a novembre 2013, gli studenti e i professori dell’Unibz coinvolti nel progetto Bobo si sono già recati in Irlanda, Regno Unito, Germania, Norvegia, Finlandia, Svezia e nel resto d’Italia per spiegarne le caratteristiche tecniche. Ciò che lo rende particolarmente appetibile è anche la fattura del case di legno, sostenibile e innovativo, oggetto di apprezzamento nel corso delle diverse sessioni di presentazione. Il design è il frutto del lavoro di Angelo Ventura, industrial designer, che ha collaborato con la facoltà di informatica per il progetto che ha portato allo sviluppo di Bobo.

Il workshop dell’Unibz organizzato alla Technische Universität di Dresda è stato invece il primo passo per avviare futuri progetti di ricerca sulla piattaforma Bobo. Il preside della facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche dell’unibz, il prof. Pekka

Abrahamsson e il prof. Sven Helmer, hanno illustrato brevemente la tecnologia utilizzata; i dettagli tecnici sul funzionamento di Bobo sono stati invece curati dagli studenti Lorenzo Miori e Julian Sanin che hanno chiarito dubbi e curiosità dei professori e dei ricercatori della TU di Dresda. Infine è toccato a Carmine Giardino, dottorando dell’Unibz, l’onere e l’onore di presentare le future possibilità di innovazione offerte da Bobo. Grazie a questo progetto, i tre studenti di unibz, in autunno, trascorreranno tre mesi a Dresda per avanzare nella ricerca congiunta con la TU.

Le reazioni entusiastiche dei colleghi germanici sono riassunte dalle parole di Josef Spillner, collaboratore della cattedra di “Reti informatiche” dell’università di Dresda: “Bobo ci ha stupito! Questo cluster è ideale perché ci mette a disposizione una piattaforma sperimentale per la nostra ricerca, stimola l’interesse degli studenti verso il nostro campo di ricerca e li ispira a percorrere nuove strade”. Anche l’Unibz vuole continuare sulla strada della ricerca e dell’innovazione intrapresa con questo progetto. Esiste la ferma intenzione da parte dei docenti e dei ricercatori di sviluppare ulteriormente la piattaforma Bobo e, così, creare anche le condizioni per ulteriori progetti di ricerca internazionali. L’idea più recente è “Bobino”, ovvero una versione ridotta di Bobo, adatta ad essere trasportata anche in aereo: il case può infatti essere smontato e riposto in una valigia.

“Per gli studenti della nostra facoltà, il progetto Bobo è un primo, importante passo verso un futuro da ricercatori. Per questa ragione, l’abbiamo sostenuto e continueremo a farlo”, conclude il prof. Sven Helmer della facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche dell’Unibz.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy