• Google+
  • Commenta
8 aprile 2014

Diritto allo Studio: Rete Studenti Medi sul diritto allo Studio

La missione sociale che il nostro ordinamento affida alle Università mette al centro gli studenti.” – Alessandra Gentile –

Diritto allo Studio

Diritto allo Studio

Per rendere concreto il principio del diritto allo studio occorre un cambiamento radicale delle politiche nazionali per l’Università e la ricerca poiché le ristrettezze finanziarie degli Atenei non consentono interventi mirati”.

Il diritto allo studio, nelle Marche, è uno di quegli argomenti che vengono sempre evitati; vuoi perché, negli ultimi anni, i vari governi che si sono succeduti hanno visto il sistema istruzione come un “cassettino” da cui tagliare una tantum delle fette consistenti di fondi per reinvestirli altrove, o perché la scuola pubblica non attira interesse mediatico se non quando assistiamo agli apici del suo imbarbarimento.

Da anni, la Rete degli Studenti Medi si batte per il diritto allo studio contro questa idea, cieca e masochista, che svaluta all’inverosimile l’istruzione, generando buchi pazzeschi e precludendo al Paese intero la prospettiva di una rapida uscita da una crisi economica che ha ridotto la maggior parte delle famiglie con l’acqua alla gola.

I libri costano sempre di più, e le famiglie arrivano a pagare anche mille euro per un singolo figlio che frequenta le scuole superiori. I sistemi di trasporto pubblico sono inadeguati, sempre meno confortevoli e non adatti alle esigenze tempistiche degli studenti. Tanti piccoli tasselli rendono la vita degli studenti un calvario, fatto di sacrifici e che non stimola assolutamente quella voglia di apprendimento che dovrebbe essere la linfa vitale delle giornate di uno studenti. Così un Paese che detiene una percentuale altissima del patrimonio culturale del pianeta riesce a buttare via l’altissimo potenziale che si nasconde dietro ogni singolo individuo, creando indecisione nel periodo post-diploma e alimentando quel tristissimo  e purtroppo ormai diffusissimo ─ fenomeno dell’abbandono scolastico.

«La nostra proposta sul diritto allo studio» spiega Claudio Concas, coordinatore regionale della Rete degli Studenti Medi, «è semplicemente la chiamata a raccolta delle voci degli studenti. Come sindacato studentesco, ci siamo sentiti in dovere di costruire questa campagna tramite numerose e partecipate assemblee pubbliche, svolte nelle principali città delle Marche. Troviamo ingiusto che una tematica fondamentale, quale il diritto allo studio è, venga trattata sempre marginalmente e mai attuando seri provvedimenti. Vogliamo che le Marche diventino a misura di studente: dobbiamo essere visti come il cuore pulsante di questa regione». 

“Con più di dieci assemblee territoriali, ed una regionale ─ svoltasi ad Ancona, il 16 novembre ─ abbiamo costruito una proposta molto accurata. È divisa in quattro macro-aree: libri di testo, per i quali proponiamo principalmente il comodato d’uso all’interno delle scuole; welfare, per far sì che la cultura ruoti attorno agli studenti con cinema, teatri, concerti, librerie e musei che offrano prezzi di riguardo, giornate ad hoc e tanto altro; trasporti, che devono diventare un capillare e veloce mezzo di spostamento verso qualsiasi città delle Marche, con abbonamenti davvero agevolati e che tengano conto della situazione economica delle famiglie; scuole aperte, per far sì che i plessi scolastici diventino dei poli ricreativi, associativi e culturali, aperti anche nel pomeriggio e fruibili dall’intera cittadinanza. Questo è molto altro prende il nome di “RIGHTS ARE COMING”, una campagna per la quale abbiamo anche creato un sito web ─ www.rightsarecoming.it ─ tramite il quale persone, classi o intere scuole possono aderire e sottoscrivere la nostra iniziativa.” – Spiega l’associazione parlando di diritto allo studio –

“Attualmente, – Dice – la Rete degli Studenti Medi e la Regione Marche hanno dato luogo ad un paio di incontri ─ e ce ne sono altri in programma per le prossime settimane. Nel dicembre 2012, al termine di una manifestazione regionale, la Rete degli Studenti Medi è già stata a colloquio con degli assessori per quanto riguarda il tema dell’edilizia scolastica: al termine dell’incontro, sono stati stanziati 5 milioni di euro per interventi di modernizzazione e ristrutturazione degli edifici scolastici con situazioni critiche nelle Marche. Gli assessori hanno raccolto nuovamente le nostre istanze, riconoscendo a pieno le condizioni critiche in cui versa il sistema istruzione nel nostro Paese e l’importanza di puntare agli studenti nelle Marche come perno per una rapida uscita dalla crisi. Il dialogo è frequente e continuo, e la situazione in continua evoluzione, ma le prospettive di un repentino miglioramento sono reali.”

«Siamo davvero contenti ed entusiasti per la partecipazione degli studenti a queste nostre iniziative» commenta Concas. «La loro voce è la nostra forza: grazie ai più di mille studenti che hanno dato vita alle nostre assemblee e, quindi, alle proposte, siamo nuovamente a dialogo con le istituzioni per creare qualcosa di concreto, che ci rende felici del nostro lavoro».

Banner associazioni

Nei prossimi mesi si svolgeranno numerosi colloqui con la Regione, per elaborare nel dettaglio la rifinitura della nostra proposta sul diritto allo studio e dare vita a miglioramenti percepibili, volti da un lato a creare una consapevolezza dell’importanza della figura dello studente per un Paese in crisi, dall’altro a creare un risparmio nelle tasche delle famiglie, colte da un’ondata di crisi devastante. – Conclude l’associazione –


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy