• Google+
  • Commenta
17 aprile 2014

Laureata Unicam vincitrice del Premio miglior tesi in Farmacologia

Università degli Studi di Camerino – Laureata Unicam vincitrice del Premio miglior tesi di laurea in Farmacologia

Stefania Mazzotta, laureata in Farmacia presso l’Unicam il 7 Marzo 2013, è risultata vincitrice del Premio miglior tesi di laurea in Farmacologia bandito dalla Federazione Ordini Professionali Farmacisti Italiani. Il premio, dell’importo di 3.000 euro, è stato consegnato dal Ministro degli Affari Regionali Maria Carmela Lanzetta nel corso del Congresso Nazionale “FarmacistaPiù. il Futuro della Professione”, che si è tenuto a Roma dal 4 al 6 Aprile 2014 presso il Palazzo dei Congressi. Presenti alla cerimonia anche il Presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, il Senatore e Presidente della Federazione Ordini Professionali Farmacisti Italiani, Andrea Mandelli, e il Direttore dell’Agenzia Italiana del Farmaco, Luca Pani.

“Sono orgogliosa di essere risultata vincitrice di questo premio così prestigioso – ha dichiarato la dott.ssa Mazzotta dell’Unicam – ed è sicuramente una soddisfazione vedere apprezzato il proprio lavoro. La mia attività di ricerca, che si è svolta presso la Scuola Unicam di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute nel laboratorio del dott. Carlo Cifani e della dott.ssa Maria Vittoria Micioni, è stata focalizzata sullo studio dei disordini alimentari, in particolar modo sul binge eating definito come un’assunzione compulsiva ed incontrollata di una grande quantità di cibo appetibile in un breve periodo di tempo”.

“Attualmente – prosegue la dott.ssa Mazzotta dell’Unicam – le strategie di trattamento sono limitate e le cause psicologiche e neurologiche non sono ancora chiaramente comprese. Nel nostro laboratorio abbiamo studiato il coinvolgimento del sistema dell’adenosina (importante neuromodulatore nel sistema nervoso centrale), testando un nuovo agonista adenosinico A2A, sintetizzato presso il laboratorio di chimica farmaceutica della Prof.ssa Volpini. I risultati di questa interessante ricerca suggeriscono che il sistema adenosinico possa rappresentare un nuovo interessante target farmacologico per il trattamento del binge eating (disturbo da alimentazione incontrollata) e di altri disturbi del comportamento alimentare associati ad una componente compulsiva verso il cibo stesso e per ridurre l’eccessivo consumo di cibo associato all’obesità”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy