• Google+
  • Commenta
9 aprile 2014

Università di Udine e Anci nel futuro digitale dei territori



Università di Udine – De Toni e Pezzetta firmano la convenzione tra università di Udine e Anci. Università di Udine e Comuni progettano insieme. Il futuro digitale dei territori

Università di Udine

Università di Udine

Unione dei comuni: progetti innovativi su energia, ambiente, salute, mobilità e Ict da attuare non solo nelle grandi città, ma anche nei piccoli centri

Nel Progetto dell’Università di Udine – Diffondere e applicare le logiche smart come visione strategica di una produzione moderna ed efficace, coinvolgendo, oltre alle grandi città, anche i piccoli centri che rappresentano una parte fondamentale del tessuto territoriale del Friuli Venezia Giulia, in modo da non escludere i Comuni di più limitata dimensione dal percorso di innovazione che i capoluoghi di provincia hanno già cominciato a portare avanti.

Un percorso che parte dalla smart city e arriva agli smart land in cui un contributo fondamentale sarà quello messo a disposizione dalla ricerca e dall’innovazione realizzata dall’Università di Udine. Il disegno è quello di dare alle amministrazioni comunali gli strumenti tecnologici per arrivare a una unione funzionale dei comuni che non sia la mera sommaria di due e più debolezze.

È questo l’obiettivo dell’iniziativa che sarà realizzata dall’Università di Udine e dall’Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci), avviata formalmente con la firma di un protocollo d’intesa sottoscritto dal rettore dell’Università di Udine, Alberto Felice De Toni e dal presidente Anci Friuli Venezia Giulia, Mario Pezzetta, oggi mercoledì 9 aprile a palazzo Florio, insieme a Renato Spoletti, responsabile dell’area Servizi informatici dell’ateneo. Alla presentazione erano presenti Carlo Tasso e Andrea Tonello, docenti dell’università interessati al progetto e Alessandro Fabbro, segretario generale dell’Anci.

“L’Università di Udine è da tempo impegnata in attività che favoriscono l’impiego evoluto di tecnologie da parte delle imprese, della amministrazione, dei cittadini da un lato e la diffusione del sapere dall’altro – spiega il rettore dell’Università di Udine -. Questo accordo andrà ora a potenziare e coordinare un’azione sinergica e collaborativa tra le diverse realtà coinvolte nei progetti smart, con un progetto in cui l’università, consapevole del suo ruolo sociale e del legame naturale e storico con il proprio territorio, grazie alla collaborazione con l’Anci, mette i propri saperi a disposizione dei comuni del Friuli Venezia Giulia”.

L’obiettivo è quello di andare verso iniziative congiunte in ambito smart, che sfrutteranno l’Ict e in particolare l’integrazione e l’interoperabilità dei servizi. Il protocollo, che durerà cinque anni, vuole anche cercare un accordo con la Regione “per il sostegno delle strategie di smart city and communities nei territori regionali”. Università di Udine e Anci realizzeranno poi un gruppo di supporto strategico per l’elaborazione di un programma congiunto che favorisca l’intesa costante tra ricerca, istituzioni e industria in grado di presentare progetti innovativi. I settori interessati saranno soprattutto quelli dell’energia, dell’ambiente e della salute, della mobilità sostenibile, dell’Ict e della governance europea del territorio. Le potenzialità e le opportunità territoriali per favorire la crescita e la competitività confluiranno infine in una sorta di manuale-catalogo a servizio dei comuni e della realtà locali.

“Ripensare i nostri territori per renderli più competitivi, attrattivi e inclusivi, attraverso gli smart land, che sono ambiti territoriali in cui lo sviluppo è sostenibile e i servizi pubblici e privati sono interoperabili – ha evidenziato il presidente Anci -. Si tratta di mettere in campo un modello di governance innovativa. Anche attraverso l’uso pervasivo del digitale, possiamo dare vita ad ambiti territoriali “intelligenti”, in cui cittadini, imprese, energia, mobilità, welfare, sanità, residenza, insediamenti produttivi, ambiente, sono interconnessi e orientati al futuro. Con l’impegno di Anci – conclude Pezzetta -, l’avallo della Regione, il supporto tecnico-scientifico dell’università, la realizzazione di smart land nei nostri territori è un sicuro antidoto al declino in atto. L’accordo fra Anci e Università di Udine, reso possibile dal convinto sostegno del rettore dell’Università di Udine, ha proprio questo obiettivi”


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy