• Google+
  • Commenta
30 maggio 2014

Api e paesaggio urbano: ricerca e incontro a Units

Università degli Studi di Trieste – Dall’ambiente ci arriva un dato importante: nell’attuale stagione primaverile lo spopolamento degli alveari e la forte moria di api (in FVG il 50% e in Slovenia il 30%), fanno sì che specialisti entomologi, apicoltori e persone sensibili al problema si pongano delle domande su queste morti straordinarie e sulla salubrità dei prodotti dell’alveare e degli alimenti immessi sul mercato.

Api

Api

Con studi genetico-infiammatori su cellule e studi causa-effetto sul campo, si è tentato di comprendere se le cause di tale moria potessero essere la degenerazione genetica dei ceppi di api presenti sul territorio, oppure la tossicità dell’ambiente, o la combinazione dei due.

La ricerca Units sulle Api

Negli ultimi anni sono emerse alcune problematiche particolarmente preoccupanti inerenti i prodotti dell’apicoltura che noi umani ingeriamo. L’uso di sostanze farmacologicamente attive, a partire dai farmaci contro la varroasi delle api, per arrivare ad antibiotici non autorizzati per la cura delle patologie batteriche, hanno fatto sì che si determinasse l’inquinamento di cera e miele ormai rilevato dai laboratori di riferimento nazionali.

Inoltre, analisi sul polline stivato nelle cellette (pane per api) hanno rilevato la presenza di pesticidi utilizzati in agricoltura. A completare il quadro, un’indagine effettuata sul propoli da parte del Corpo Forestale dello Stato ha evidenziato residui di varie origini.
Tutto questo danneggia l’immagine dei prodotti dell’alveare, tradizionalmente intesi come sostanze naturali e sane, in un ambito commerciale in cui il consumo pro capite nazionale è già uno dei più bassi d’Europa (solo 500 g/anno).

Nell’incontro che si terrà domani, sabato 31 maggio dalle 9.00 alle 12.30 presso Filoxenia, in via Mazzini 3, a Trieste, si analizzerà la pratica dell’Apicoltura in città sia come soluzione alla contaminazione da pratiche agricole, che come alternativa produttiva, ovviamente nelle città che recepiscono le normative europee contro l’inquinamento urbano.

Curare le api diventa un problema di sanità pubblica, che necessita di una pertinente comunicazione sull’esposizione e sulla vulnerabilità dei fattori di rischio ambientale e che consenta poi un utilizzo appropriato delle risorse naturali, per un ecosistema equilibrato e vivibile anche dalle future generazioni.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy