• Google+
  • Commenta
27 maggio 2014

Corsi di Laurea per studenti detenuti all’Università di Bologna

Università di Bologna – L’Alma Mater presenta i corsi di laurea ai potenziali studenti detenuti nella casa circondariale di Bologna

Corsi di Laurea per detenuti

Corsi di Laurea per detenuti

Questa mattina un gruppo di docenti si è recato al carcere della Dozza per illustrare corsi di laurea e termini di iscrizioni

Lo scorso dicembre – insieme al Provveditore alle carceri dell’Emilia-Romagna Pietro Buffa e alla Direttrice della Casa Circondariale di Bologna Claudia Clementi – il Rettore ha firmato il Protocollo per l’istituzione di un Polo Universitario Penitenziario (PUP) presso il carcere. In tale protocollo, oltre a riprendere i termini della convenzione già in vigore da diversi anni, è contenuto l’impegno a predisporre presso il carcere della Dozza dei locali e delle attrezzature tecnologiche che permettano ad un gruppo, selezionato fra i più meritevoli degli studenti detenuti, di concentrarsi in modo più continuativo ed efficiente nei propri studi universitari. Questo sarà reso possibile non solo dalla loro collocazione in un’area del carcere a ciò dedicata, ma anche mediante l’installazione di computer e di una rete internet a totale sicurezza, che renda loro possibile un servizio informatico comparabile a quello di cui godono gli altri studenti dell’università.

Corsi di Laurea per studenti detenuti all’Università di Bologna

Anche agli altri studenti detenuti che non potranno essere selezionati per il PUP verranno offerte, sulla base della convenzione esistente, delle facilitazioni generali di studio e l’assistenza di docenti che periodicamente ne seguano l’avanzamento negli studi.

Questi servizi richiedono l’uso di notevoli risorse umane e di attrezzature. È quindi opportuno che il numero di studenti ai quali esse sono dedicate sia sufficientemente numeroso e distribuito sui corsi di laurea ad essi più congeniali per tipo di insegnamento ed eventuali sbocchi lavorativi.

A tal fine un gruppo di professori si è oggi recato presso il carcere della Dozza per pubblicizzare tali corsi di laurea e spiegare ai potenziali studenti i termini per le iscrizioni e le regole per rendere più efficiente possibile il loro avanzamento negli studi, pur rimanendo nelle situazioni vincolate in cui si trovano. La presentazione è stata introdotta da Claudia Clementi, Direttrice della Casa Circondariale di Bologna e dal Professor Giorgio Basevi, delegato del Rettore per l’attuazione della convenzione e del protocollo. Le presentazioni sono state curate da diversi professori delle Scuole di Giurisprudenza, di Scienze Politiche e Sociologia, di Agraria e Medicina Veterinaria, di Lettere e Beni Culturali, di Lingue e Letterature, di Psicologia e Formazione, di Economia Management e Statistica.

L’esposizione degli aspetti amministrativi e burocratici è stata affidata a Nicoletta Santangelo e ad altri suoi colleghi.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy