• Google+
  • Commenta
16 maggio 2014

Galleria di Matematica con Unipg

Galleria di Matematica

Università degli Studi di Perugia – Domani, a Casalina di Deruta, inaugurazione della Galleria di Matematica

Galleria di Matematica

Galleria di Matematica

Verrà inaugurata domani la Galleria di Matematica, sabato 17 maggio 2014, alle ore 16.30, a Casalina (Deruta), nella Manifattura ex tabacchi – Via Risorgimento.

Alla cerimonia della Galleria di Matematica, presieduta e introdotta dalla professoressa Cristina Galassi, direttore del Centro di Ateneo per i musei scientifici (Cams), interverranno il Rettore Franco Moriconi, Fabrizio Felice Bracco, Assessore regionale Beni, attività culturali, turismo, Alvaro Verbena, Sindaco di Deruta, Anna Martellotti, delegato per l’orientamento dell’Ateneo di Perugia, Gianluca Vinti, direttore del Dipartimento di Matematica e informatica, Giorgio Faina, responsabile Piano lauree scientifiche dell’università di Perugia, Lucio Raspa, dirigente scolastico dell’istituto omnicomprensivo “Mameli-Magnini” di Deruta.

Seguirà, alle ore 17, la presentazione della galleria da parte della professoressa Emanuela Ughi, ideatrice e creatrice degli oggetti proposti in mostra e l’inaugurazione dell’esposizione.

Dalle 17.30 alle 19.30 sarà proiettato il cortometraggio “Marta e Martina alla scoperta dei poligoni regolari”.

Alle 21 “I poliedri di Leonardo fra arte e scienza”, una ‘scenografica conferenza-show-laboratorio’ della professoressa Ughi, con premio finale.

La Galleria di Matematica

La Galleria di Matematica nasce dalla collezione di oggetti matematici progettati e realizzati da Emanuela Ughi, inizialmente solo per piacere personale. In un secondo tempo l’interesse suscitato nel pubblico ha spinto l’autrice a cercare di dimostrare, in modo concreto e sistematico, come la matematica possa essere non solo compresa ma diventare addirittura fonte di divertimento, studio, piacere, per ogni tipo di fruitore, dal più giovane al più adulto, indipendentemente dalle sue conoscenze e dalle sue capacità matematiche.

L’esperienza fisica con i materiali della Galleria vuole rassicurare tutti coloro che pensano di non essere in condizione di comprendere la matematica, dimostrando che, in realtà, ciò è possibile, che esiste un modo nuovo per familiarizzare con una materia per molti ostica ma con la quale ci confrontiamo ogni giorno: benché non si veda immediatamente, la matematica ha infatti un ruolo determinante nella vita quotidiana e sta dietro a molte delle normali attività svolte dall’uomo.

A fronte del ruolo sempre maggiore che la matematica esercita non solo nella vita pratica ma anche per lo sviluppo scientifico e tecnologico, si assiste al fatto che essa sembra diventare sempre meno comprensibile per il non specialista. Da qui nasce l’idea di questa raccolta, che cerca di dimostrare come la matematica possa essere divertente ma anche uno stimolante insieme di idee per risolvere importanti problemi. Una Galleria per la Matematica, luogo di incontro di persone e idee, nel quale si può passare dalla pura fruizione ludica, cercando di far funzionare gli oggetti e gli strumenti in mostra, alla comprensione di dimostrazioni più complesse.

La Galleria di Matematica raccoglie infatti exhibits, puzzles, giochi, che permettono di avvicinarsi a idee, concetti, teoremi matematici, spesso esplorandoli tramite attività di manipolazione e disegno: attività hands-on, come in vari moderni Science Centers.

A differenza di altri Science Centers la Galleria nasce in ambito accademico e porta con sé il valore dello studio e delle competenze che l’Università è chiamata a condividere con la società, in quella che costituisce la sua “terza missione”.

I materiali impiegati per le realizzazioni non hanno un grande valore in termini di denaro: il loro valore risiede piuttosto nella loro ideazione e progettazione, che rende possibile anche una loro riproducibilità creativa. Si tratta per la maggior parte di oggetti non ingombranti e pesanti e quindi facilmente trasportabili in altri contesti museali o didattici.

Attraverso questi oggetti si realizza per le scuole un vero Laboratorio di Matematica, che aspira a ricreare il clima delle botteghe rinascimentali, nelle quali, come è noto, la trasmissione del sapere, dal maestro, attraverso gli assistenti, ai giovani apprendisti avveniva per mezzo della pratica e dell’osservazione del lavoro degli altri.

Ed è qui che si gioca la sfida più interessante che il percorso nella Galleria di Matematica intende proporre, una sfida che non si conclude nel Museo ma che intende suggerire, nella distinzione di ruoli ma puntando anche sulla complementarietà tra museo e scuola, una loro riproposta in classe, con attività di ricostruzione e di approfondimento.

I modelli della Galleria di Matematica permettono di imparare a visualizzare, nella mente, forme ed oggetti geometrici, come suggeriva Paul Gauguin: “Io chiudo gli occhi per vedere meglio.

Una sezione della Galleria di Matematica ospita materiali pensati e costruiti in particolare per la didattica della matematica in presenza di difficoltà o di handicap, quali discalculia, o ritardo cognitivo; è presente anche un percorso espositivo sulla prospettiva che può essere esplorato in modo tattile da non vedenti e una proposta aptica che ripercorre il primo libro degli Elementi di Euclide.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy