• Google+
  • Commenta
7 maggio 2014

A Unibo Esodi: ciclo di lezioni e letture classiche



Università di Bologna – A Unibo Esodi: ciclo di lezioni e letture classiche XIII edizione

Unibo

Unibo

Il ciclo di lezioni e letture classiche, curato dal Centro Studi “La permanenza del Classico” dell’Alma Mater Studiorum ‒ Unibo sarà inaugurato giovedì 8 maggio dalla serata “In via humus Migrazioni” il cui protagonista sarà un protagonista della vita civile italiana e un grande testimone del nostro tempo: don Luigi Ciotti, che rifletterà sul senso di antichi e contemporanei “esodi”, spesso così tragici.

La lettura dell’Esodo biblico ‒ archetipo di ogni migrazione ‒ sarà affidata all’Unibo alla voce di tre straordinarie interpreti, le tre “regine” dell’avanguardia teatrale italiana, che per l’occasione si riuniscono e si confrontano con le parole dell’Antico Testamento: Ermanna Montanari del Teatro delle Albe, Chiara Guidi della Societas Raffello Sanzio e Mariangela Gualtieri del Teatro Valdoca.

Il ciclo di quest’anno all’Unibo s’intitola ESODI: una meditazione sulle grandi migrazioni dei popoli e degli individui, sull’instabilità delle comunità e delle vite, sul carattere precario di ogni “radicamento” e di ogni pretesa d’identità (anche etnica) permanente e “originaria”.

“Esodo” (exodos) è, alla lettera, la “via d’uscita” (ex – hodós): via d’uscita da un luogo che non ci appartiene e non sentiamo nostro, verso un luogo che ci somiglia o ci è promesso; “esilio” a volte scelto, a volte imposto, e sempre e comunque sofferto. Ma “esodo” ‒ nelle sue originarie valenze greche e nelle sue risonanze bibliche ‒ è parola che dice insieme la meta e il passaggio, l’arrivo e il viaggio in corso, il rifugio agognato e la fuga dolorosa.

“Esodo” è parola dal timbro severo: ci ricorda che sempre e perennemente, come singoli e come comunità, omnes peregrini sumus (Agostino); ci educa a dubitare di ogni stabilità apparente, specie quando tale apparenza di stabilità diventa rivendicazione identitaria e pretesto di discriminazione; ci insegna che l’“autoctonia”, cioè la pretesa di essere autentici e unici nativi (autochthonoi) delle nostre mille “piccole patrie”, non esiste se non nei miti puerili dell’antica propaganda ateniese, e di quanti oggi se ne fanno ignari epigoni; e ci richiama al senso profondo di un altro “esodo”, l’ultimo, che attende tutti noi, e che dovrebbe rendere tutti noi più disponibili all’accoglienza dell’altro, più consapevoli della nostra fondamentale uguaglianza nella nostra infinita diversità, più vigili dinanzi a ogni ottuso egocentrismo degli individui come delle nazioni.

Gli incontri dell’Unibo avranno luogo, come d’abitudine, ogni giovedì di maggio (8, 15, 22, 29 maggio 2013), alle ore 21.00, nell’Aula Magna di S. Lucia e nella contigua Aula Absidale videocollegata.

Tutte le serate si gioveranno della regia di Claudio Longhi. Come ogni anno, le traduzioni dei testi antichi sono state approntate dagli studiosi membri del Centro Studi “La permanenza del Classico”: Francesco Citti, Federico Condello, Camillo Neri, Lucia Pasetti, Bruna Pieri, Francesca Tomasi, Antonio Ziosi.

Modalità d’ingresso al ciclo di lezioni e letture classiche dell’Unibo

L’ingresso è a inviti. Gli inviti potranno essere ritirati, fino ad esaurimento, il martedì precedente ciascuna rappresentazione, dalle ore 17 alle ore 19, presso il Centro Studi “La permanenza del Classico”, via Zamboni 32.

Per tutti coloro che non riusciranno ad essere presenti, sarà reso disponibile un servizio di diretta video on line, all’indirizzo Permanenza Unibo


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy