• Google+
  • Commenta
23 maggio 2014

Università Insubria: un successo l’open day lauree magistrali

Accoglienza matricole Insubria

Università degli Studi Insubria Varese-Como – Duecento partecipanti al primo open day delle lauree magistrali all’Insubria

Insubria

Insubria

L’iniziativa Insubria mira a orientare gli studenti triennali sul percorso formativo e sugli sbocchi professionali dei corsi di laurea magistrale dell’Università degli Studi dell’Insubria

Duecento studenti in totale hanno preso parte al primo Open Day delle lauree magistrali dell’Università degli Studi dell’Insubria a Varese nel Campus di Bizzozero e a Como nella sede di via Valleggio.

Open day lauree magistrali Università Insubira

L’iniziativa Insubria mirava a informare studenti universitari e laureati dell’Università degli Studi dell’Insubria e di altri Atenei interessati a proseguire il proprio percorso formativo dopo la laurea triennale, sui contenuti dei corsi di secondo livello e su quali prospettive aprano, sia in termini di inserimento maggiormente qualificato nel mondo del lavoro, sia come attività di ricerca.

A Como sono stati presentati i corsi di laurea magistrale in Chimica, Fisica e Matematica.

A Varese, sono stati presentati i corsi di laurea magistrale in Economia, Diritto e Finanza d’Impresa; Global Entrepreneurship Economics and Management; Informatica; Scienze e tecniche della comunicazione; Biologia, Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica e Biotecnologie Molecolari e Industriali.

Il corso di laurea magistrale in Scienze Ambientali dell’Insubria è stato presentato in entrambe le sedi di Como e Varese, con collegamento in videoconferenza.

I presidenti dei corsi, alternandosi a studenti e laureati, hanno presentato l’offerta didattica, i servizi e gli sbocchi occupazionali relativi ai singoli percorsi didattici; con i docenti si è parlato anche di argomenti di tesi e di ricerca e di corsi di dottorato.

Alla domanda: Perché scegliere una laurea magistrale dell’Università dell’Insubria? risponde così il professor Loredano Pollegioni, rappresentante del Presidio di Qualità dell’Ateneo.

«Perché “conviene”, infatti, stando ai dati Almalaurea 2013, a un anno dalla laurea il tasso di occupazione per i laureati Insubria è pari al 83.3%, contro una media nazionale del 68.2 (ed è un lavoro stabile nel 49.2%, contro una media del 33.9%) e a tre anni dalla laurea il valore sale al 92.1%, contro 81.5% di media nazionale (lavoro stabile nel 61.2%, contro una media del 53.9%). Anche lo stipendio medio è maggiore per i laureati all’Insubria: 1172 euro mensili contro 1038 e a tre anni dalla laurea il divario è ancora maggiore: 1348 euro per un laureato Insubria contro i 1197 dei laureati nazionali in media». Ma non soltanto, all’Università degli Studi ddell’Insubria «si studia bene, ci sono servizi di qualità per gli studenti, quali biblioteche informatizzate, collaborazioni internazionali, orientamento al lavoro etc, e si fa una buona ricerca, come dimostrato dal fatto che tutti i Dipartimenti all’Insubria hanno ottenuto una valutazione della Qualità della Ricerca da parte dell’Anvur a un livello pari o superiore alla media nazionale» conclude Pollegioni.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy