• Google+
  • Commenta
19 giugno 2014

Prova Pedagogia 2014 Maturità: tracce svolte seconda prova pedagogia

Iniziata la prova pedagogia 2014 per gli studenti della maturità, subito in rete le prime indiscrezioni sulle tracce, soluzioni e svolgimenti della prova pedagogia all’esame di stato 2014

Il 18 giugno 2014 il primo giorno delle prove scritte dell’Esame Maturità si è concluso.

Oggi 19 giugno 2014 alle 8. 30 è iniziata la tanto attesa seconda prova pedagogia.

Questa mattina gli studenti dei Licei Socio-Pedagogici dovranno svolgere la tanto bramata prova di Pedagogia della maturità 2014.

Ecco tutti i consigli e la diretta in tempo reale della redazione di Controcampus.it

Segui hashtag #EsameMaturità sulla Fan Page ufficiale Controcampus o sulle altre pagine Social.

Gli Studenti alla seconda prova pedagogia 2014 dovranno scegliere ed analizzare due delle quattro tematiche selezionate dal Miur.

Ciascuno dei quattro quesiti relativi alla prova pedagogia è caratterizzato dalla presenza di una spiegazione dell’argomento da analizzare e dalla traccia vera e propria.

Dopo aver analizzato due dei quattro temi proposti alla seconda prova di maturità pedagogia 2014 lo studente dovrà dimostrare di avere la capacità di effettuare un collegamento analitico fra due tematiche inserite in un’unica traccia.

La prova pedagogia dura 6 ore. Gli studenti non possono uscire dall’aula nella quale si svolge la prova per le prime tre ore dalla distribuzione della traccia prova pedagogia.

Alla seconda prova pedagogia dell’esame di dato 2014, è vietato l’uso di Iphone, Smartphone, telefonini e Ipad. E’ permesso l’uso di un dizionario di Italiano non enciclopedico.

Seconda Prova Pedagogia Maturità 2014: tracce soluzioni svolgimenti

Scopriamo ora la traccia e soluzione prova pedagogia alla maturità 2014

*Tracce e Svolgimenti Seconda Prova Pedagogia Maturità 2014 aggiornati in tempo reale

Traccia Istituto Socio Pedagogico: Prova Pedagogia Maturità 2014

Autorità e Autoritarismo

Come il ciabattino e il chirurgo vedono “l’uomo della strada” in ottiche completamente diverse, così lo scienziato, l’artista e lo storico affrontano le esperienze quotidiane e i fenomeni che stanno alla base del loro lavoro utilizzando lenti e strumenti assolutamente peculiari. La scuola forse non è in grado di dotare ogni studente dell’intero campionario delle lenti disciplinari; anzi, chi volesse fare di ogni giovane uno storico, un biologo o un compositore di musica classica sarebbe condannato all’insuccesso. Il nostro scopo non deve essere quello di accelerare la formazione degli studenti, ma di introdurli nel “cuore intellettuale “ o nell’”anima esperienziale “ di una disciplina. La scuola consegue il proprio obiettivo se riesce a dare agli studenti un’idea di come il mondo appare a persone che usano occhiali diversi.

Howard GARDNER

Esponi le tue riflessioni sul testo sopra riportato e soffermati, in particolare, sui seguenti punti:

– Il problema della didattica disciplinare

– La trasmiassione delle nozioni e ipercorsi comunicativi tra docente e discente

– Acquisizione di nozioni o di modelli operativi di utilizzo delle competenze

– La conoscenza come consapevolezza dei diversi punti di vista sullo stesso oggetto

Quali sono gli appunti più gettonati nascosti sotto i banchi alla prova pedagogia 2014?

Le principali tematiche d’attualità sulle quali porre l’accento per la prova pedagogia sono:

  • precariato e ricerca del lavoro
  • femminicidio e misoginia maschile
  • omofobia, internet e mezzi di comunicazione
  • bullismo
  • crisi economica

Lo studio degli autori alla prova pedagogia 2014 non deve soffermarsi sui maestri della pedagogia contemporanea. Da qualche anno non è insolito che il Miur prediliga testi di storici della pedagogia o addirittura di precursori della stessa. Si pensi i riferimenti all’ Emile di Rousseau negli anni passati.

Il Ministero dell’Istruzione non aborre neanche le riflessioni dei principali autori della psicopedagogia contemporanea come Don Milani, Montessori, Piaget e Bruner.

Prova Pedagogia 2014: come superare la seconda prova pedagogica

Come superare e svolgere la Seconda Prova Pedagogia della Maturità 2014: La Pedagogia o Scienza dell’Educazione è tributaria della Psicologia, dell’Antropologia, della Filosofia ed delle Scienze Sociologiche.

La necessità di espletare dei collegamenti che siano in grado di dar vita ad una fusione culturale tra tematiche degli ambiti di sopra elencati rende necessaria la conoscenza delle tematiche d’attualità. Per questo si consiglia: la lettura di opere letterarie di vasta risonanza o di fenomeni musicali e culturali che abbiano determinato cambiamenti sostanziali nel modo di pensare di consistenti fette della popolazione; la lettura di giornali, riviste e quotidiani per conoscere la situazione economico-politica del nostro e dei paesi stranieri. La lettura dei maestri della pedagogia non basta a creare efficaci collegamenti in seduta d’esame.

Seconda Prova Pedagogia Maturità 2014: consigli dei Prof.

Abbiamo intervistato la Prof.ssa Minervini dell’Istituto Superiore Statale Psico-Pedagogico “E. Morante”.

La Professoressa ci ha dato degli utili consigli per svolgere la seconda prova pedagogia della Maturità 2014.

L’opinione scientifica espressa dalla Prof.ssa Minervini ha il pregio di darci chiarimenti sulle nevralgiche ed emblematiche modalità di svolgimento della seconda prova pedagogia 2014.

Come svolgere un ottimo tema o una tesina esauriente alla prova pedagogia senza fare errori? “Io consiglio di ricordare 4 regole fondamentali, spesso ricordate dal Prof. Michele Corsi, Presidente della Società Italiana di Pedagogia(Siped).

“Come già dichiarato dal Professore in un’intervista, la prima regola è quella di partire da un caso o da una casistica concreti.”

“Per tale casistica è necessario individuare un numero di testi nazionali e non che riportino i vari pareri sull’argomento, questo permetterà di averne una lettura multi-prospettica. Il terzo proposito è quello di costruire un buon indice per un testo breve.”

“Spesso la quantità non è sinonimo di qualità, è preferibile che si enunci in poche la righe la tesi di uno studioso e gli argomenti apportati da altri studiosi per confutare la tesi proposta. In ultimo consiglio di svolgere la tesina di pedagogia come un qualsiasi articolo o quesito scientifico. Si propone un’ipotesi segue la dimostrazione ed infine la formulazione di una tesi.”

Come potersi regolare con i tempi alla prova pedagogia 2014? “Bisogna impiegare 5 ore per la formulazione e la scrittura del tema e lasciare l’ultima ora per la correzione e la copia. Sono convinta che cinque ore per elaborare un testo breve siano più che sufficienti. Non bisogna divagare, bisogna essere attenti nelle citazioni e tentare di parafrasare quando non si ricordano con precisione i passi delle opere citate. Evitate di falsare teorie o opinioni, è molto apprezzato che si citino autori invece di impossessarsi delle loro teorie. Ricordo ali studenti che non ci si aspetta da loro un articolo innovativo in materia ma solo una trattazione esauriente sulle tematiche proposte dalla traccia.”

Quali potrebbero essere le tematiche d’attualità alla prova pedagogia a cui le tracce 2014 fanno riferimento? “In questi anni sono sempre di più le notizie di intolleranza sessuale o di razza. La tematica della sessualità, si pensi all’adozione per le coppie di fatto o al matrimonio gay, e il razzismo, dal fenomeno Lega Nord all’omicidio nelle borgate romane del 2006, sono temi scottanti e legati a doppio filo con la pedagogia. Inoltre in questi ambiti anche la lettura di classici letterari oltre che dei quotidiani potrebbe facilitare lo studente.”

Crede che la sua presenza possa rincuorare i ragazzi alla prova pedagogia dell’esame di stato 2014? “Credo che non esistano modi di rincuorare i ragazzi. La tensione durante la seconda prova è davvero molto alta. Sicuramente per svolgere al meglio la prova bisogna aver ben presenti i punti del programma svolto durante l’anno e ricordare le notizie su studi e ricerche attuali che sono state lette in classe o a casa. Io consiglio ai miei studenti la lettura dei quotidiani per evitare che sleghino l’apprendimento della materia dalla realtà circostante.”


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy