• Google+
  • Commenta
23 giugno 2014

SSH2S Unito: Energie sostenibili dall’idrogeno e dalle celle a combustibile

Università degli Studi di Torino – Nuove energie sostenibili dall’idrogeno e dalle celle a combustibile

Progetto SSH2S Unito

Progetto SSH2S Unito

Mercoledì 25 (dalle 14.00) e giovedì 26 giugno (dalle 9.00), presso il Centro Congressi EnviPark (Via Livorno 60, Torino – Envipark), si terrà il Joint Workshop ‘FCH JU projects – Fuel Cell based Auxiliary Power Units’, organizzato nell’ambito del progetto SSH2S FCH JU, coordinato dal Prof. Marcello Baricco del Dipartimento di Chimica dell’Università di Torino.

Progetto SSH2S FCH JU Unito

L’idrogeno e le celle a combustibile sono viste come una futura tecnologia per usi eco-compatibili nell’ambito della mobilità e dell’immagazzinamento di energia. Per questo motivo, è stata costituita da alcuni anni una Piattaforma Europea per l’idrogeno e le celle a combustibile (FCH-JU Fuel Cell and Hydrogen Joint Undertaking), per cui è previsto un investimento di 665 milioni di Euro da parte della Comunità Europea nell’ambito del programma Horizon 2020, che vedrà un contributo di pari importo da parte di imprese private europee. In tale ambito, si è svolto il progetto SSH2S – Fuel Cell Coupled Solid State Hydrogen Storage Tank – che ha visto coinvolti 8 centri di ricerca ed aziende provenienti da Italia, Germania, Belgio, Danimarca e Norvegia. Il progetto si propone di realizzare un serbatoio di idrogeno allo stato solido basato su materiali innovativi, da utilizzare in alternativa al gas compresso, per l’accoppiamento con una Unità di Potenza Ausiliaria (APU) con celle a combustibile, da installare su veicoli per il trasporto di merci. Il progetto, del valore totale di 3.5 milioni di Euro, ha ricevuto un contributo dalla Comunità Europea pari a 1.6 milioni di euro. Il progetto è stato coordinato dall’Università di Torino ed ha visto il coinvolgimento di una PMI piemontese (Tecnodelta s.r.l.) e del Centro Ricerche Fiat di Orbassano.

L’incontro si propone di radunare i partecipanti di tre progetti della FCH-JU Fuel Cell and Hydrogen Joint Undertaking (DESTA, FCGEN e SSH2S) che hanno come scopo la ricerca e la creazione di prototipi che accoppiano celle a combustibile e Unità di Potenza Ausiliarie (APU) per fornire l’energia elettrica necessaria agli automezzi anche quando il loro motore è spento. Il programma dell’evento prevede, in una prima parte, alcune presentazioni che mostreranno lo scopo ed i progressi effettuati in ognuno dei tre progetti coinvolti. La prima giornata si concluderà il 25 giugno sera, con una esibizione del prototipo sviluppato nell’ambito del progetto SSH2S, che vede l’Università di Torino come coordinatore. Per la mattinata del 26 giugno, sono previsti tre tavoli di lavoro separati dove verranno discussi specifici argomenti tecnici quali il design del sistema integrato, le specifiche del sistema e gli aspetti della sicurezza. I risultati di queste discussioni saranno quindi condivisi tra i diversi gruppi di lavoro alla fine del workshop e riassunti per essere divulgate alla comunità scientifica.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy