• Google+
  • Commenta
6 giugno 2014

Weiji: dimensione globale della prima guerra mondiale a Unibz

Weiji e Geurra Mondiale

Libera Università di Bolzano – Il fatto che la prima guerra mondiale non si sia combattuta solo sui fronti europei ma che vi siano stati anche scenari bellici, ad esempio, in Africa e Asia è un fatto oggi in larga parte dimenticato.

Weiji e Geurra Mondiale

Weiji e Geurra Mondiale

Su invito del Centro di competenza storia regionale della Libera Università di Bolzano, lo storico Daniel Marc Segesser, docente dell’Università di Berna, spiegherà cosa ha fatto davvero della Grande Guerra una guerra mondiale.

Venerdì 13 giugno, alle ore 17.30, lo storico svizzero chiuderà il ciclo di conferenze dal titolo “La prima guerra mondiale tra eventi e memoria” che ha riscosso un grande successo, con oltre 1000 partecipanti.

Universita di Bolzano: conferenza su Weiji e Guerra Mondiale

È diventato ormai usuale nelle pubblicazioni sulla storia della prima guerra mondiale non limitarsi all’Europa ma mostrare anche ciò che accadde nelle altre parti del mondo. In questa relazione, le aree extraeuropee non varranno solo a integrare quanto avvenne nel vecchio continente, ma saranno messe al centro del discorso. Muovendo dalla parola cinese „weiji“, composta dagli ideogrammi „wei“ che sta per pericolo o rischio e „ji“ che significa chance o opportunità, la conferenza del prof. Daniel Marc Segesser, adottando una prospettiva di storia globale, cercherà di mostrare quali elementi hanno fatto della Grande Guerra un evento davvero mondiale.

In una seconda parte, la conferenza illustrerà quanto avvenuto su alcuni scenari di guerra extraeuropei in Togo, Samoa, Nuova Guinea e Pacifico, Cina, Africa tedesca sud-occidentale e Camerun, Impero ottomano e Africa orientale. Con il titolo „Yigong Daibing – Lavoratori invece che soldati“, la terza parte della relazione si occuperà del tema della mobilitazione di lavoratori di tre paesi extraeuropei, Australia, Cina e Sudafrica. L’ultimo aspetto che sarà affrontato nella relazione sarà la globale crisi alimentare del 1916-17, a lungo assai poco considerata dalla ricerca, per lo meno nella sua dimensione globale.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy