• Google+
  • Commenta
24 luglio 2014

Concorso Magistratura 2014-2015: risultati prove concorso magistratura

Concorso Magistratura 2013
Concorso Magistratura 2014-2015

Concorso Magistratura 2014-2015

Anche quest’anno si è svolto, come ogni anno, il Concorso Magistratura 2014-2015.

Non molti i posti disponibili che il CSM bandisce in tutta Italia ma numerosissimi i candidati che hanno deciso di tentare questa difficile strada.

Ma come si diventa magistrati? in cosa consiste il Concorso Magistratura 2014-2015? Scopriamolo insieme.

Come previsto dalla Costituzione, si può accedere alla magistratura solo tramite concorso pubblico; le nomine dei neo-magistrati avvengono, infatti, attraverso concorso così come previsto nell’articolo 104 e la legge, inoltre, prevede che almeno una volta all’anno venga indetto un concorso magistratura per permettere agli aspiranti giudici di poter diventare magistrati togati, da distinguirsi dal giudice di pace.

Questo percorso, notoriamente difficile, ha un limite di tentativi: i candidati, infatti, potranno tentare il concorso in magistratura soltanto per tre volte, al termine delle quali dovranno purtroppo rinunciare alla carriera nella magistratura.

Come diventare magistrato e Concorso Magistratura 2014-2015

Il Concorso Magistratura 2014- 2015 è strutturato in quattro fasi:

  • Prova scritta Concorso Magistratura 2014- 2015: la prima tappa di questo percorso è la prova scritta. Quest’anno tale prova si è tenuta nei giorni del 25, 26, 27 giugno; i risultati si conosceranno fra circa un anno: è noto che la correzione degli scritti prevede un tempo piuttosto lungo, dunque i candidati dovranno attendere molto prima di conoscere l’esito del proprio scritto. Questo, però, non preclude la possibilità per ognuno di loro di ritentare il concorso il prossimo anno.

    Lo scritto consiste in tre prove: si tratta di elaborati scritti il primo del quali riguarda la materia civile, il secondo la materia penale e il terzo l’amministrativo. Le tracce sono uguali per ogni candidato ma questo non sia motivo di rassicurazione, gli elaborati sono molto difficili, infatti ai candidati è dato un tempo a disposizione di circa 8 ore. I risultati della prova scritta non sono pubblici: in sede di esame, infatti, viene fornito ad ogni candidato un codice col quale potranno accedere all’area riservata ai risultati e consultare il proprio punteggio. Ovviamente, non sono visualizzabili i nomi ma solo, appunto, i codici.

  • Prova orale Concorso Magistratura 2014- 2015: se il candidato è riuscito a superare la prova scritta potrà accedere alla prova orale. Anche questa tappa non è facile da superare, in merito a questo avremmo modo in seguito di parlarne più dettagliatamente.

  • Uditorato post Concorso Magistratura 2014- 2015: questa terza fase è accessibile solo se si è superata la prova orale. Dopo le due prove, infatti, si diventa “uditori”: si svolgerà un anno di praticantato, chiamano “uditorato”, che permetterà ai candidati di seguire presso dei giudici il lavoro nel suo campo. Questa fase non è così semplice; al termine infatti, c’è una valutazione finale e un punteggio che, sommato a quello maturato con le altre prove, consentirà finalmente il superamento del concorso. Essere uditori, dunque, non garantisce affatto il raggiungimento dell’obbiettivo.

  • Assegnazione sede ai vincitori del Concorso Magistratura 2014- 2015: in base al punteggio finale ottenuto, se sufficiente al superamento, si può finalmente accedere alla professione. Non è possibile, ovviamente, esercitarla dove si vuole: ad ogni neo-magistrato verrà assegnata una sede. A quel punto potete tirare un sospiro di sollievo, l’obbiettivo è stato raggiunto! Siete ufficialmente dei magistrati.

Risultati prova scritta Concorso Magistratura 2014-2015

La correzione della prova scritta del Concorso Magistratura non è immediata: non trattandosi di un test a risposte chiuse (che prevede, dunque, correzione a lettura ottica) ma di elaborati scritti è necessario vengano accoratamente corretti singolarmente. Una commissione formata da magistrati si occuperà di tale lavoro.

I tempi non sono prestabiliti: può accadere il risultati si conoscano da un minimo di 2/3 mesi ad un massimo di 8/10 mesi. I candidati conosceranno attraverso comunicazione fatta dal Ministero l’uscita dei risultati e avranno modo di consultare la graduatoria.

In sede di prova ad ogni candidato è stato dato un codice attraverso il quale potranno accedere all’area riservata. Il codice stesso fungerà da nominativo e ad esso corrisponderà il punteggio ottenuto. Tale procedura è adottata per favorire la privacy di ogni candidato che, altrimenti, vedrebbe pubblicato il punteggio ottenuto con in corrispondenza il proprio nome e cognome, così facendo ognuno saprà privatamente il punteggio ottenuto e in base a quello conoscere l’esito della prova scritta del Concorso Magistratura.

Come è possibile notare l’iter del concorso è molto lungo e alcuni fattori non sono chiari. Per avere maggiori chiarimenti abbiamo fatto alcune domande al Giudice Esposito.

Giudice Esposito, si sono concluse da poco le prove scritte del Concorso Magistratura 2014-2015. Molti candidati sono ora in attesa dei risultati. Quanto tempo occorre per la correzione?

I candidati sanno bene cosa aspetta loro, i tempi di correzione sono piuttosto lunghi e possono richiedere anche un anno. Il Concorso Magistratura, a differenza di altri concorsi pubblici, può impegnare un candidato anche per due/tre anni; uno stress non da poco visto che i candidati non conoscono l’esito e nonostante ciò devono proseguire nel lavoro pur non sapendo cosa accadrà loro.

La prova orale del  Concorso Magistratura 2014- 2015 è notoriamente complessa. In cosa consiste la prova orale del Concorso Magistratura?

La prova orale consiste in un esame svolto dinanzi a commissione esaminatrice. Solitamente, i membri della commissione propongono al candidato il riesame della prova scritta effettuata (anche per verificarne la fonte, per capire, insomma, se è farina del sacco del candidato; gli imbroglioni purtroppo ci sono sempre), anche per rompere il ghiaccio. Molti candidati, infatti, arrivano nervosi alla prova orale e smorzare la tensione è un modo per consentire loro di dare il massimo delle proprie qualità durante l’esame. Fatto ciò, si passa all’esame vero è proprio: la commissione esaminatrice del Concorso Magistratura sottoporrà il candidato a domande in merito a tutte e sette le materie del diritto; l’orale può durare molto, non spaventatevi se siete trattenuti più delle vostre aspettative: se venite mandati via subito, non sempre è buon segno.

Quali consigli si sente di dare ai candidati promessi magistrati che supereranno lo scritto del  Concorso Magistratura 2014- 2015?

Il mio primo suggerimento è quello di seguire un corso di preparazione, ogni anno ne vengono attivati diversi. Difficilmente chi ha appena conseguito la laurea ha le capacità per affrontare il Concorso Magistratura; gli studi universitari, infatti, garantiscono uno studio dottrinario non certo quello studio critico utile allo svolgimento della prova scritta e all’esame orale.

Altro consiglio che reputo utile è svolgere, subito dopo la laurea, un praticantato presso avvocati. Il contatto con un professionista affermato nel campo metterà il candidato nella condizione di masticare sin da subito la materia. Il fine di questo lavoro è, soprattutto, il contatto diretto con la Cassazione a mio avviso fondamentale per la conoscenza reale della professione; lo studio attraverso la pratica e il contatto con la Corte di Cassazione è utilissimo al fine dell’acquisizione delle conoscenze relative al mondo della magistratura.

Quanto tempo prima, secondo lei, bisogna iniziare questo iter preparatorio per il Concorso Magistratura?

Fare tentativi “last minute” credo sia inutile: la preparazione deve iniziare almeno un anno e mezzo o due anni prima della prova scritta. Questo, ovviamente, dipende dal candidato: se quest’ultimo ha delle doti innate eccezionali è anche possibile non debba fare corsi di preparazione né tanto meno tirocini formativi ma credo personalmente siano casi molto rari.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy