• Google+
  • Commenta
4 luglio 2014

Economia, Valorizzaz​ione, Gestione del Patrimonio Turistico a Unisa

Economia e management del turismo

Università degli Studi di Salerno – Italia e Francia per l’Europa del futuro.  Corso di studi binazional​e in Economia, Valorizzaz​ione, Gestione del Patrimonio Turistico

Economia, Valorizzaz​ione, Gestione del Patrimonio Turistico a Unisa

Economia, Valorizzaz​ione, Gestione del Patrimonio Turistico a Unisa

Con la discussione delle tesi di laurea e la proclamazione dei laureati si è concluso, questa mattina, il 1° ciclo del Corso di studi binazionale in Economia, Valorizzazione, Gestione del Patrimonio Turistico nato dalla collaborazione fra l’Università di Salerno e l’Università di Paris-Nanterre La Défense.

Alla cerimonia del Corso di studi binazionale in Economia, Valorizzazione, Gestione del Patrimonio Turistico, che si è svolta nell’Aula “Nicola Cilento” erano presenti il rettore, Aurelio Tommasetti, il console generale di Francia a Napoli, Christian Timonier, il direttore del Dipartimento di Studi Umanistici, Sebastiano Martelli, il direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche, Cira Perna, la coordinatrice del corso di studi, Gisella Maiello, il sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier.

Corso in Economia, Valorizzaz​ione, Gestione del Patrimonio Turistico

«L’obiettivo del corso – ha dichiarato Maielloè stato quello di formare figure professionali in grado di realizzare su scala locale, regionale e nazionale gli obiettivi dell’Unione Europea in materia di sviluppo del turismo sostenibile, favorendo gli scambi, l’economia e la cooperazione in ambito comunitario».

Il corso in Economia, Valorizzazione, Gestione del Patrimonio Turistico si è sviluppato ricorrendo, anche, a stage riconosciuti e qualificanti, in grado di favorire la convalida dell’esperienza acquisita in relazione agli ambienti economici e sociali, nonché attività seminariali e simulazioni per la realizzazione di progetti nel settore turistico.

«Turismo e cultura che si sposano in maniera perfettamente simbiotica» ha dichiarato il rettore Tommasetti che ha poi aggiunto: «Il patrimonio artistico della nostra provincia, della nostra regione e di tutta l’Italia è costituito da un insieme di diversi contesti culturali con profonde radici storiche e forti connotazioni specifiche. Ogni angolo del territorio è espressione della nostra millenaria civiltà. Si tratta di testimonianze che evidenziano un patrimonio interessante non solo dal punto di vista culturale ma anche se consideriamo lo sviluppo economico e sociale della nazione».

Per dare maggior risalto al patrimonio turistico e culturale è necessario, ha precisato il sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier, «che tutto venga messo in rete, che tutto il patrimonio sia fruibile. Sviluppando in modo sinergico l’aspetto turistico, naturalistico e culturale Ravello e la Costiera, che sono per certi versi il centro del mondo, portano avanti non solo il nome della regione Campania ma mi sia consentito quello di tutta l’Italia».

Un corso di laurea bilaterale, “a vocazione professionalizzante”, come è stato ribadito in tutti gli interventi, che si inserisce in ambito internazionale privilegiando la dimensione culturale e linguistica tra Francia e Italia.

Per il console Christian Timonier «il diploma italo-francese è per i ragazzi (20 francesi e 20 italiani, N.d.R.) una cosa straordinaria; è l’espressione della complementarietà tra i due Atenei, un modo concreto di lavorare insieme per l’Europa».

Formazione e cultura, quindi, come strumento centrale per ostacolare i processi di decadimento e poter cogliere le nuove opportunità di mercato.

«Un futuro europeo concreto – ha proseguito Timonierche passa attraverso il rispetto dell’ambiente, del mondo artigianale e dei giovani che con la partecipazione al corso di studi binazionale hanno avuto la possibilità di imparare le lingue».

Riferendosi al nostro Ateneo, Timonier, ha detto che “Salerno è un esempio di innovazione , di investimento nella società della conoscenza. Nell’Agenda della Presidenza italiana dell’UE, turismo e cultura sono le due priorità per il futuro; ebbene, Francia e Italia condividono concretamente questa impostazione con il diploma professionale che dimostra come l’investimento sull’università sia prioritario rispetto ad altri settori».


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy