• Google+
  • Commenta
3 luglio 2014

Erasmus Outgoing 2014 all’Università di Modena e Reggio Emilia

Bando Erasmus Traineeship

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – In incremento di oltre il 74% le domande degli studenti dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia per la partecipazione a programmi di studio all’estero Erasmus.

Grazie al programma Erasmus in partenza a settembre oltre 510 studenti che potranno studiare in altre realtà accademiche europee e non solo, disseminate attraverso 28 differenti Paesi. In cima alle loro preferenze Spagna, Germania e Francia.

I giovani che si apprestano a partire saranno salutati dal Rettore prof. Angelo O. Andrisano e da altre personalità accademiche e studentesche il 4 luglio nel corso di un ”Erasmus Day” che si terrà a Modena.

Erasmus Unimore

L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia è pronta a salutare 510 suoi studenti, di cui 389 iscritti a corsi presso la sede d’Ateneo di Modena e 121 a quella di Reggio Emilia,i quali a settembre affronteranno la loro prima esperienza Erasmus. I ragazzi in partenza, che da quest’anno potranno trattenersi per motivi di studio all’estero fino a 12 mesi, grazie al programma Erasmus Plus, appartengono a tutti i dipartimenti.

Le destinazioni più gettonate sono ancora una volta la Spagna con 170 candidati (33,33%), seguita dalla Germania con 74 (14,51%) e dalla Francia con 55 domande (10,78%), ma le mete sono distribuite attraverso 27 paesi europei più la Turchia.

Gli studenti maggiormente coinvolti e desiderosi di approfittare di una esperienza di studio unica, sono i ragazzi iscritti al Dipartimento di Studi Linguisti e Culturali 126 (24,70%), seguiti da 103 (20,19%) studenti iscritti al Dipartimento di Economia Marco Biagi. Numerosi quest’anno anche gli ingegneri del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari, 58 (11,37%), e gli studenti del Dipartimento di Comunicazione ed Economia, 59 (11,57%).

Il valore di un periodo di soggiorno di studio all’estero – commenta il Rettore prof. Angelo O. Andrisanoè fondamentale per i giovani, che possono in questo modo migliorare la conoscenza di una lingua straniera e moltiplicare così le proprie opportunità di trovare in futuro una occupazione, la cui ricerca oggi non può essere limitata solo al nostro Paese. Si tratta in ogni caso di una esperienza che rappresenta un arricchimento del proprio bagaglio di conoscenze, che aiuta a migliorare le relazioni e la comprensione tra i popoli. Stiamo raggiungendo livelli di partecipazione ai programmi Erasmus davvero ragguardevoli e ciò anche grazie agli sforzi che facciamo come Ateneo integrando l’appannaggio della borsa che ricevono dal Network”.

Erasmus Day

Tutti i ragazzi in partenza sono tutti attesi alla giornata Erasmus Day che si terrà venerdì 4 luglio 2014 alle ore 9.00 presso l’Aula Magna della Fondazione Marco Biagi (Largo Marco Biagi, 10) a Modena. Ad accoglierli ci saranno il Rettore dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia prof. Angelo O. Andrisano, il Delegato ai Rapporti Internazionali prof. Sergio Ferrari ed il Dirigente della Direzione Servizi agli Studenti dott. Paolo Grasso. La giornata proseguirà con il racconto delle esperienze di ex studenti iscritti alla Erasmus Student Network e la descrizione di tutti gli aspetti finanziari ed amministrativi forniti dal dott. Antonio Sblendorio dell’Ufficio Mobilità Studentesca.

Il numero degli studenti in partenza, passati in un quinquennio da 292 dell’Anno Accademico 2010-2011 agli attuali 510 (+ 74,66%), fanno capire che i giovani di oggi non solo – complice la crisi – sentono sempre più l’esigenza di farsi un’esperienza di studio all’estero per arricchire il proprio bagaglio culturale e formativo, usufruendo dei programmi Erasmus, bensì riconfermano che tutte le azioni, messe in campo dall’Ateneo modenese reggiano, trovano condivisione ed apprezzamento.

Osservando anche i numeri degli studenti stranieri che vengono a svolgere un periodo di studio all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, ovvero da 338 nell’Anno Accademico 2010-2011 a 537 (+ 58,87%) per quello in corso, risulta evidente quanto UNIMORE si stia sempre più internazionalizzando e caratterizzando a livello non solo europeo, grazie al programma Erasmus ed ai numerosi programmi ed accordi stipulati con tante realtà accademiche estere, anche fuori dall’Europa. Solo per fare un esempio il programma Marco Polo Turandot, che permette agli studenti cinesi di venire a studiare in Italia, ha portato in città, solo quest’anno, oltre 240 ragazzi.

I dati – afferma il Delegato del Rettore per i Rapporti Internazionali prof. Sergio Ferrari sono davvero buoni, ma vogliamo puntare più in alto, assegnando a queste esperienze un valore strategico nella formazione dei nostri giovani. Per questo nei prossimi anni opereremo, da un lato, perché gli studenti in uscita abbiano l’opportunità di migliorare le loro conoscenze della lingua che si parla nel Paese ospitante e, dall’altro, perché gli studenti in ingresso, ed anche per gli studenti stranieri iscritti al nostro Ateneo, acquisiscano una maggiore famigliarità con la nostra lingua. In secondo luogo intensificheremo con gli Atenei stranieri lo scambio di conoscenze sui loro curricula formativi, affinché siano meglio valutati al fine del riconoscimento dei crediti gli esami che i nostri studenti sostengono all’estero ed anche per aumentare i corsi di laurea a doppio titolo o, auspicabilmente, a titolo congiunto”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy