• Google+
  • Commenta
7 novembre 2014

Medicina 2015: Test Medicina 2015 Aboliti? Date Miur e Caos Giannini

Test Medicina 2015. Dopo il “pasticcio” Specializzazioni Medicina (prove annullate e poi salvate), riesplode la polemica intorno al numero chiuso. Test Medicina 2015, sarà numero aperto?

Come funzionerà il Test Medicina 2015: info e  novità su date, sanatorie e possibile abolizione del numero chiuso.

Ancora tiepidi i chiarimenti circa l’attesa riforma della selezione per medici ed odontoiatri. Autunno di bocche cucite al Miur.

Dopo i proclami primaverili, è di nuovo caos intorno al Test Medicina 2015.  Modello francese “corretto” all’italiana verso la fumata bianca. Ma i tempi si allungano.

Le date dei Test di Medicina 2015

Sarà probabilmente la prima volta dell’annunciato “modello francese”, per un Test Medicina 2015 che, tra maxi-ricorsi, immatricolazioni soprannumerarie e resistenze politico-accademiche, stenta la trovare l’esatta quadratura. Intanto c’è giù una data. Ad aprire il valzer del Test Medicina 2015 sarà l’Università Cattolica del Sacro Cuore, che ha da poco pubblicato il bando d’iscrizione al test di ammissione per medicina in lingua inglese. La data da cerchiare è il 28 Gennaio, con i risultati che saranno on line già il 10 Febbraio.

Facoltà sanitarie e test medicina 2015: numero chiuso o aperto?

Lo scopriremo solo vivendo. Ufficialmente non è stato deciso alcun cambiamento rispetto alla normativa vigente sul numero chiuso né sono state avanzate proposte concrete di cambiamento dei meccanismi di selezione, ormai in vigore da oltre di 15 anni. Il Ministro dell’Istruzione Giannini ha, in tempi non sospetti, manifestato l’intenzione di modificare il sistema di selezione degli aspiranti medici e odontoiatri, ma da allora l’unica indicazione pressoché certa rimane il modello cui il Ministro dichiara di volersi ispirare: quello francese. Dall’anno accademico 2015/2016, queste le prime specifiche, la valutazione avverrà alla fine del primo anno di università. 

Non abolizione, ma rivisitazione per i test di medicina 2015. Numero chiuso in pensione? La risposta sarà probabilmente un no. No all’abolizione del Test Medicina 2015, ma sì ai correttivi. Le parole sono importanti, recitava una celebre massima “morettiana”.

Lo sa bene il Ministro Gelmini che da mesi va ripetendo che “le riforme prima si elaborano e poi si annunciano. Nessuno ha mai parlato di eliminazione del numero chiuso. Ho solo insistito sulla necessità di una rivisitazione del meccanismo selettivo alle facoltà di Medicina”.

Non sarà, insomma, un addio al numero programmato, ma al test medicina così come lo conosciamo. Niente accesso libero quindi.

Accesso libero ai test medicina 2015 per studenti e rappresentanze

Numero chiuso al capolinea per i test di medicina 2015. Gli studenti ci credono: accesso libero per tutti. Un feeling impossibile, messo alla corda dagli scandali (vedi Bari), dalle irregolarità (graduatorie annullate, plichi manomessi o dispersi, test non anonimi), dagli errori nella formulazione delle domande e nella somministrazione delle prove, dalla querelle “bonus maturità” (introdotto e ritirato a tempo record), e soprattutto dall’incessante scrosciare di sanatorie e ricorsi, colle università puntualmente trascinate alla sbarra, svergognate e condannate a sonanti risarcimenti. Una debacle certificata dalla storica sentenza del Tar del Lazio che solo lo scorso Aprile ha dichiarato illegittimo il Test Medicina 2014, stabilendo l’ammissione sovrannumeraria di oltre 2000 studenti bocciati al test di ammissione.

Un immobilismo giocato tutto sulle spalle dei ragazzi. Basta scherzare col futuro degli studenti. Servono risposte rapide, concrete. Si può riassumere così la protesta di studenti e rappresentanze, che spingono per un ripensamento strutturale ed “etico”dell’accesso. No ai quiz-ghigliottina, agli accavallamenti maturità-preparazione al test Medicina, alla spirale dei ricorsi, dei veleni pre e post-test.

Test Medicina 2015: abolito il numero chiuso arriva il modello francese

Arriva il modello “francese”. Ecco come funzionerà. Che il Test Medicina non goda di buona salute è fatto ormai pacifico. Per di più se le soluzioni “in casa” sembrano latitare disperatamente. Tanto vale sbirciare oltralpe, allora, ai successi veri o presunti dei cugini francesi. La “cura francese” propone: accesso libero al primo anno e selezione in base ad esami sostenuti e merito. E ancora: addio alle domande cruciverba e all’odiata “cultura generale”.

Il modello francese per i test medicina 2015 non elimina il numero chiuso. Immatricolazione aperta a tutti e selezione basata sugli esami sostenuti e sul merito dello studente. Niente selezione all’ingresso, quiz e crocette. Resta però il numero chiuso, che non viene eliminato ma solo posticipato. La selezione interviene precisamente alla fine del primo anno di corso quando tutti gli studenti sostengono una prova complessiva, estremamente selettiva, modellata su argomenti specifici affrontati a lezione. Tagliola solo rimandata, mormorano gli scettici. Di fatto un vero e proprio concorso con tanto di graduatoria a numero programmato. In sintesi chi rientra nelle posizioni utili è ammesso al secondo anno e al prosieguo del corso. Chi supera il punteggio minimo (10/20) senza risultare vincitore può, se vuole, iscriversi subito al secondo anno di Biologia, senza ulteriori attese. I bocciati, tuttavia, possono ritentare la prova solo una volta, dopodiché le porte di Medicina si chiudono definitivamente.

Ricetta francese per i test medicina 2015, ma con un pizzico d’Italia. A chiarirlo è appunto il Ministro Giannini, che spiega: “Nel caso italiano dovranno per forza essere fatti dei correttivi”. Allo spostamento in avanti della selezione si accompagnerà ad una selezione più dura. “Noi come ministero” – continua –  “decideremo lo standard di valutazione, vediamo se fare come in Francia dove poi le asticelle che consentono di andare avanti vengono stabilite dai singoli atenei”.

Caos Giannini Miur: Specializzazioni Medicina e numero chiuso

A rilanciare la polemica sul numero chiuso, il “flop” delle ultime Specializzazioni Medicina 2015, con il disastro made in Cineca che ha condotto alla cancellazione delle prove, poi frettolosamente sconfessata dal Miur che salva il test, scongiurandone la ripetizione e aprendo alla soluzione del ricalcolo dei punteggi.

Epilogo “fantozziano” per una vicenda che riporta, con forza, l’accento sull’inderogabilità di una risposta finalmente risolutoria all’eterno dilemma: “accesso programmato o libero?”.

Bisogna aprire l’accesso, spezzare la catena, insiste l’Udu. Quella che è mancata finora è una fase di concertazione vera tra le parti, necessaria visti i dubbi più volte manifestati dal mondo accademico e lo scarso feeling tra Miur e Ministero della Salute. Obiettivo: il rifinanziamento del settore università e il risanamento di tutte le emergenze logistico, organizzative, economiche di cui soffre la nostra università .

Fondi insufficienti dal MEF Ma proprio in merito alla richiesta dell’Udu di aumento della copertura per le borse di specializzazione, non si registrano passi avanti significativi. Il Miur, rivela lo stesso ministro Giannini,  avrebbe ottenuto dal Ministero dell’economia una quota di fondi per arrivare ad un aumento delle borse che però non è sufficiente al ripristino delle quote dello scorso anno. La promessa, l’ultima della titolare di Vaile Trastevere, è che si cercherà di chiedere al MEF di aggiungere i fondi mancanti. Fino ad allora, non si autorizzano sogni di gloria.

Udu e Codacons sui test medicina 2015 e sulle specializzazioni

Udu su modello francese e numero chiuso. Spezziamo la catena – Posizioni efficacemente fotografate nelle letture di Gianluca Scuccimarra, Cordinatore Nazionale Udu e Carlo Rienzi, Presidente Nazionale Codacons.

Gianluca, con tutta probabilità il prossimo Test Medicina 2015 vedrà l’ìntroduzione del chiacchieratissimo “numero chiuso alla francese”. Un segnale d’apertura?

“Sì, purché non sia uno spot. Negli ultimi anni il sistema del numero chiuso si è rivelato fallimentare da tutti i punti di vista. L’enorme mole di ricorsi vinti dall’Udu dimostra che  la discussione sul numero chiuso non può attendere. Basta giocare col futuro degli studenti.” – Dice Gianluca Scuccimarra –

“Non si può continuare a sostenere la fondatezza dei test come strumento di selezione. – Continua – Occorre un ripensamento di tutto il settore della selezione medica, magari con un primo anno comune con facoltà affini finché non arrivano i finanziamenti.”

“Perché l’orizzonte ultimo rimane quello di vedere finalmente restituiti alle università i tagli fatti negli anni passati e arrivare a una selezione in itinere che abbia criteri oggettivi e omogenei per tutto il territorio. Chiediamo che il tavolo sul numero chiuso si avvii immediatamente e ponga allo studio le strade percorribili per superare questo sistema. In caso contrario ricorreremo mettendo in campo tutti gli strumenti a nostra disposizione: dalla rappresentanza in CNSU, alla mobilitazione fino alle azioni legali”.

A far riesplodere la polemica sul numero chiuso è stata la vicenda del Test Specializzazioni Medicina, con il “salvataggio” delle prove e la soluzione del ricalcolo dei punteggi. Come giudichi questa mossa? Che segnale è in vista del Test Medicina 2015?

“Mi pare la soluzione di chi non sa più che pesci prendere. Il MIUR prende in giro ancora di più gli studenti di fatto negando quanto aveva affermato solo pochi giorni fa, trovando una soluzione che è evidentemente costruita ad arte. Come è possibile che due test che fanno riferimento ad aree mediche diverse tanto da portare il MIUR a fare le prove in due giorni separati abbiano 28 quesiti su 30 simili? Come è possibile che in entrambe le prove ci siano esattamente 2 domande su 30 “specialistiche”? Sono solo alcune delle domande a cui il MIUR dovrà dare risposte e temiamo che queste siano ancora più incerte di questa fantomatica soluzione.

Un nuovo scoglio sulla strada dell’annunciata riforma dei meccanismi di accesso. Come reagire?

“Per noi la soluzione rimane sempre e solo una: andare a sanare la situazione di tutti coloro che hanno sostenuto i due test incrociati, ossia dell’area medica e clinica. Non esiste altra soluzione che tuteli tutti i giovani medici che hanno tentato i test. Se questo non avverrà siamo pronti a continuare la nostra battaglia con tutti gli strumenti a disposizione: dalla mobilitazione (il 5 novembre siamo stati davanti al MIUR insieme alle associazioni di giovani medici per il sit-in da loro convocato) alle vie legali, dove di fatto si aprono praterie con questo ulteriore provvedimento incredibilmente miope.”

Il flop di Miur-Cineca rappresenta senza dubbio una battuta d’arresto nella lotta al numero chiuso. Pensi che il ricalcolo dei punteggi porterà ad una nuova telenovela?

“Il ricalcolo dei punteggi è cosa sempre e comunque sbagliata perché va a modificare una situazione già consolidata colpendo casualmente i candidati senza alcuna motivazione. L’assurdo è che in maniera del tutto casuale (o meglio decisa a tavolino dal MIUR) ci saranno giovani medici che perderanno fino a due punti (quelli che avevano risposto in maniera esatta) e altri che ne guadagneranno fino a 0,6. Un’operazione senza senso che strapperà la borsa di specializzazione a centinaia di ragazzi creando solo ulteriori diseguaglianze”. – Conclude Gianluca Scuccimarra –

Presidente Rienzi, col flop Cineca-Miur ritorna la querelle “numero chiuso sì, numero chiuso no”. Si parla di apertura al modello francese in vista dell’atteso Test Medicina 2015, ma i segnali  di questa vigilia parlano di una strada ancora ripida ed accidentata. Come valuta il dietrofront del Miur? Decisione giusta o classico “salvagente”?

“Una soluzione che non risolve nulla, un tentativo di salvare il salvabile che si scontrerà con una raffica di ricorsi da parte dei bocciati. Questo perché il Ministero non può cambiare le regole del gioco a proprio piacimento, modificando idea nel giro di poche ore, di fronte ad un pasticcio che richiede ben altri interventi da parte delle istituzioni.” – Dice Carlo Rienzi –

“Le responsabilità in questa vicenda sono chiarissime, e lo stesso dicastero non può lavarsene le mani, in quanto ha il compito di vigilare sulla correttezza dei test e delle prove di accesso.” – Continua –

“Ovviamente la situazione, a seguito del dietrofront del Ministero, è mutata. Non sarà possibile chiedere risarcimenti per le nuove spese da affrontare né il danno morale per la ripetizione della prova, proprio perché non ci saranno nuovi test. Stiamo tuttavia studiano la fattibilità di un ricorso collettivo da parte dei bocciati, che potrebbe poggiare proprio sullo scambio dei quiz durante le prove e sulla modifica dei risultati finali. Crediamo che la soluzione per il Ministero e per gli interessati sia solo una: consentire l’accesso alle scuole di specializzazione a tutti coloro che hanno sostenuto le prove del 29 e 31 ottobre. In tal modo si eliminerebbero le conseguenze dell’errore materiale, si garantirebbero i diritti di tutti i candidati e si eviterebbe un contenzioso legale che potrebbe avere costi e conseguenze pensatissime per il dicastero.” – Conclude Carlo Rienzi –

L’Udu, intanto, chiede l’ennesima sanatoria. Indispensabile premessa di qualsivoglia proposta di riforma del Test Medicina 2015. Il ricalcolo dei punteggi potrebbe, infatti, stravolgere sensibilmente esiti e graduatorie. Come evitare questa nuova ingiustizia?

“L’esposto alla Corte dei Conti ha ragione di esistere quando si profila un danno alla collettività realizzato da una errata gestione dei soldi pubblici. Al momento la mancata ripetizione delle prove esclude tale ipotesi, ma restiamo vigili e seguiremo da vicino tutti gli sviluppi del caso, per denunciare qualsiasi violazione dei diritti degli utenti ed impedire che in futuro possano ripetersi simili pasticci indegni di un paese civile.”


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy