• Google+
  • Commenta
7 novembre 2014

Mobilità ciclistica, come promuoverla? Convegno a Univr

Università degli Studi di Verona – Convegno sulla mobilità ciclistica organizzato da ateneo e Fiab il 7 novembre, dalle 10, al Polo Zanotto

In questi anni la promozione della bicicletta, in ritardo rispetto all’Europa, sta diventando sempre più centrale nell’agenda delle amministrazioni italiane. Qual è lo stato delle leggi e delle politiche regionali sul tema?

Quali sono i progetti in corso e quelli futuri per incoraggiare la mobilità urbana e cicloturistica?

Una preziosa occasione per riflettere su questi argomenti è offerta dal convegno “Cosa fanno le Regioni per la mobilità ciclistica – Verso una rete di Uffici regionali per la mobilità ciclistica” che si terrà venerdì 7 novembre, alle 10, nell’aula T3 del Polo Zanotto.

Convegno sulla mobilità ciclistica all’Università di Verona

Organizzatori dell’evento, la Commissione per l’educazione ambientale e il risparmio energetico, il Gruppo di lavoro per la mobilità sostenibile del dipartimento di Scienze neurologiche e del movimento d’ateneo e Fiab, Federazione italiana amici della bicicletta.

Ad aprire la serie di interventi, Federico Schena, docente di Metodi e didattiche delle attività sportive e Marco Passigato, mobility manager di ateneo e consigliere nazionale della Fiab.

Gli esperti metteranno in luce le opportunità e le necessità che esprimono i territori e i centri urbani ai vari livelli amministrativi. Marco Passigato, in particolare, presenterà i risultati del questionario realizzato in collaborazione con la Fiab sulle attività promosse dalle regioni per la mobilità ciclistica. Paolo Gandolfi, deputato e coordinatore del gruppo interparlamentare Amici della bicicletta, racconterà del suo impegno in un progetto di legge di revisione del Codice della strada per favorire l’uso della bicicletta adeguandosi alle normative delle altre nazioni europee. Concluderà gli interventi Giulietta Pagliaccio, presidente Fiab. Al termine si terrà la proclamazione dei nuovi sedici “Promotori della mobilità ciclistica” che hanno frequentato il corso di perfezionamento e aggiornamento professionale organizzato dal dipartimento di Scienze neurologiche e del movimento d’ateneo.

“Nella regione Veneto – spiega Marco Passigato – molte risorse sono state dedicate alla mobilità ciclistica e molte sono in fase di assegnazione con il bando in corso. Ci sono consistenti itinerari sia urbani che extraurbani; il Veneto, con i suoi oltre 1.000 km di percorsi cicloturistici dotati di segnaletica cicloturistica, rappresentati su un sito dove è possibile scaricare tracciati gps e cartografie, si colloca tra le prime regioni d’Italia per questi servizi.

Tuttavia anche nella nostra Regione si sente la mancanza di una cabina di regia che tenga assieme i vari settori di turismo, infrastrutture, pianificazione, ambiente”. Secondo gli organizzatori, infatti, il processo delle istituzioni per favorire la mobilità ciclistica è vorticoso e disordinato, a causa della mancanza di una cabina di regia di collegamento fra i vari territori. Si sente il bisogno, per questo, di attivare un ufficio centrale per la promozione ciclistica che provveda a coordinare le risorse e le aree di intervento quali finanziamenti, valorizzazione dei territori, segnaletica dei percorsi, cartografie e pubblicazioni.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy